DAL BRASILE TROFEO "MERITO TALIAN 2019" A ETTORE BEGGIATO

DAL BRASILE TROFEO "MERITO TALIAN 2019" A ETTORE BEGGIATO

VENEZIA\ aise\ - Importante riconoscimento per Ettore Beggiato, già assessore regionale ai rapporti con i Veneti nel mondo e cittadino onorario di Serafina Correa, da parte delle Associazioni dei diffusori del “talian” (veneto-brasilian) riunitesi a Nova Erechim nello stato di Santa Catarina che gli hanno consegnato il trofeo “Merito Talian 2019” come “ricognossimento del rilevante contributo ne la fondassion, promossion e divulgassion del Talian”.
L’associazione è il punto di riferimento di numerosi operatori dell’informazione, in particolare giornalisti radiofonici, che trasmettono quotidianamente in talian dalle emittenti situate soprattutto nei tre stati meridionali del Brasile, Rio Grande do Sul, Santa Catarina e Paranà, ma anche negli stati di San Paolo e di Spirito Santo.
Sono passati cinque anni dal riconoscimento ufficiale da parte del governo federale brasiliano del talian come “Patrimonio Culturale Immateriale del Brasile”; è stata la prima lingua minoritaria brasiliana che ha ricevuto tale riconoscimento; il talian viene correntemente parlato da milioni di brasiliani.
Il tutto era nato a Serafina Correa (Rio Grande do Sul) quando nel 1988 el talian venne dichiarato lingua ufficiale durante la festa del paese che dura per una settimana; da allora Serafina Correa è diventata la capitale del talian e, soprattutto per opera di Paulo Massolini, medico chirurgo di lontane origini vicentine, si è arrivati al fondamentale riconoscimento del governo federale di Brasilia.
Ma come si può definire “el talian”?
Gli studiosi definiscono el talian (o veneto-brasiliano), l'ultima lingua neo-latina conosciuta, singolare koinè su base veneto-centrale nella quale si innestano termini brasiliani; una lingua "viva", usata quotidianamente sul lavoro o all'università, per scrivere canzoni e poesie, in teatro, alla radio o alla TV. Ecco come la descrive Darcy Loss Luzzatto autore di un vocabolario "Brasiliano - Talian" di oltre ottocento pagine:
"I nostri vecii, co i ze rivadi, oriundi de i pi difarenti posti del Nord d'Italia, i se ga portadi adrio no solche la fameia e i pochi trapei che i gaveva de suo, ma anca la soa parlada, le soe abitudini, la soa fede, la so maniera de essar.... Qua, metesti tuti insieme, par farse capir un co l'altro, par forsa ghe ga tocà mescolar su i soi dialeti d'origine e, cossita, pianpian ghe ze nassesto sta nova lengua, pi veneta che altro, parchè i veneti i zera la magioranza, el talian o Veneto brasilian".
Nel vocabolario troviamo, per esempio, un termine praticamente intraducibile in italiano, ma che i veneti conoscono benissimo “freschin”: in brasiliano diventa "odor desagradavel" e per spiegarlo meglio l'amico Darcy aggiunge un "Che bira zela questa? La sa de freschin!" che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni...
È straordinario come i discendenti di quei veneti che partirono nel lontanissimo 1875 (in seguito alle disastrose condizioni nelle quali il Veneto si era venuto a trovare dopo l'annessione all'Italia) abbiano conservato un simile patrimonio d lingua, cultura, civiltà; ed è ancora più incredibile se pensiamo che, durante la seconda guerra mondiale il "talian" venne proibito dall'allora dittatore Getullio Vargas.
Il Brasile entrò in guerra a fianco degli alleati e proibì sia l'uso del talian che del tedesco; diversi emigranti finirono in carcere e la loro non fu una sfida politica ma l'impossibilità di parlare un'altra lingua che non fosse il "talian"; ma nonostante questo la lingua dei veneti del Brasile ne è uscita più forte e più viva che mai.
Un altro pericolo per la lingua dei veneti "de là de l'oceano" è costituito da quei docenti che partono dall'Italia con l'obiettivo di portare la lingua italiana "grammaticale" come viene da loro chiamata.
Ecco quanto denunciava Padre Rovilio Costa, scomparso qualche anno fa, vero e proprio patriarca della cultura taliana in Brasile, in un messaggio chiaro e senza fronzoli, diretto a chi arriva dall'Italia e dal Veneto:
"Prima de tuto, che i italiani, sia veneti o de altre region, i vegna in Brasil rispetando la nostra cultura taliana, la nostra lengua che la ze el talian, no par imporre el so modo de veder e de far".
Lascio la conclusione a Darcy Loss Luzzatto, a una sua poesia che dovrebbe essere diffusa nel nostro Veneto, dove scandalosamente c'è gente che si vergogna di parlare la lingua veneta, soprattutto nelle nostre scuole:
"Com'e bela 'a nostra lengua, com'è melodiosa. E poetica. Basta parlada con orgolio e alegria, mai con paura o co la boca streta e vergognosa. E si con onor, con tanto tanto amor e simpatia". (marco dal bon\aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi