GIORNATE DI STUDIO SUL REGGIO EMILIA APPROACH A TOKYO

GIORNATE DI STUDIO SUL REGGIO EMILIA APPROACH A TOKYO

TOKYO\ aise\ - La "notorietà" internazionale dell’esperienza educativa del Comune di Reggio Emilia è esplosa letteralmente nel 1991, quando una giuria di esperti internazionali attraverso il settimanale americano Newsweek ha indicato la Scuola comunale dell’infanzia Diana, in rappresentanza delle istituzioni prescolari di Reggio Emilia, come la più avanzata nel mondo rispetto all’educazione dell’infanzia.
Ed ora l’approccio educativo di Reggio Children affascina anche il Giappone. L’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo, in collaborazione con Reggio Children, Reggio Emilia Italia, ha organizzato infatti una serie di seminari a cura di Marina Castagnetti su alcune tematiche alla base della progettazione e realizzazione di contesti di apprendimento nella scuola dell’infanzia.
I seminari si terranno nelle due giornate di venerdì 25 e sabato 26 ottobre nella sede dell’Istituto e si svolgeranno in lingua italiana con traduzione consecutiva in lingua giapponese.
I lavori della prima giornata si apriranno alle ore 11.00 con l’approfondimento "Reggio Emilia una città educante: introduzione al contesto storico, sociale, culturale e politico". Questa prima presentazione riguarderà la città di Reggio Emilia, il contesto dentro al quale si è sviluppata l’esperienza dei Nidi e delle Scuole dell’infanzia. Una cornice introduttiva, sintetica ma indispensabile per comprendere la sua particolare realtà. Un discorso che cerca di tenere insieme il piano storico, sociale e politico con quello culturale, educativo e pedagogico per rispondere al diritto dei bambini all’educazione.
Alle ore 14.00 si proseguirà con "Il progetto educativo dei Nidi e delle Scuole dell’Infanzia del Comune di Reggio Emilia". Le teorie, le organizzazioni e i valori che sostengono l’esperienza educativa. Al centro del progetto educativo dei nidi e delle scuole dell’infanzia è il bambino in relazione, capace di costruire i suoi apprendimenti (relazioni, abilità, competenze e conoscenze), portatore di creatività. Approfondiremo l’articolazione dell’esperienza educativa nei suoi valori, teorie, organizzazioni anche attraverso alcune brevi documentazioni didattiche.
Chiuderà i lavori di venerdì la presentazione "Una giornata al nido e alla scuola dell’infanzia" con due video che raccontano la vita di una giornata al nido e alla scuola dell’infanzia: la quotidianità dello stare insieme, l’importanza di un’organizzazione progettata e flessibile; la cura degli ambienti e del modo di vivere la scuola come luoghi in cui si costruisce cultura.
Sabato si tornerà a parlare de "Il progetto educativo dei Nidi e delle Scuole dell’Infanzia del Comune di Reggio Emilia" e, a seguire, de "La cultura e la progettazione degli ambienti educativi in cui apprendere e immaginare". Tratto qualificante del progetto educativo dei nidi e delle scuole dell’infanzia è il valore attribuito all’ambiente e agli spazi interni ed esterni intesi quali luoghi di vita, di comunicazione e di relazione per bambini e adulti. L’ambiente interagisce, si modifica e prende forma in relazione ai progetti e alle esperienze di apprendimento dei bambini e in costante dialogo tra architettura e pedagogia.
Chiuderà la due giorni l’approfondimento su "Estetica e apprendimento. La cultura dell’Atelier e i Cento Linguaggi dei bambini". Il bambino possiede cento linguaggi, cento modi di pensare, di esprimersi, di capire, di incontrare l’altro attraverso un pensiero che intreccia e non separa le dimensioni dell’esperienza. La cultura dell’atelier sottolinea l’importanza dell’immaginazione, dell’estetica e della teoria dei cento linguaggi nei percorsi di ricerca e di conoscenza. L’atelier è un luogo di sperimentazione in dialogo con gli spazi della scuola e del nido.
Reggio Children – Centro internazionale per la difesa e la promozione dei diritti e delle potenzialità dei bambini e delle bambine – nasce nel 1994 per valorizzare l'esperienza delle Scuole e dei Nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia, conosciuta in Italia e nel mondo come Reggio Emilia Approach. Attraverso le sue molteplici attività, diverse ma tutte in relazione tra loro, Reggio Children opera per promuovere il Reggio Emilia Approach, diffondendo un’idea forte dell’infanzia, dei suoi diritti e delle sue potenzialità; sostenendo un’educazione innovativa e di qualità; qualificando una più avanzata professionalità e cultura degli operatori (insegnanti, educatori, atelieristi, pedagogisti, cuochi…) dell’infanzia e della famiglia.
Con questa missione, a livello locale, nazionale e internazionale, Reggio Children: organizza iniziative di formazione; promuove progetti di ricerca, in collaborazione con istituzioni, enti, università (tra i principali partners: Harvard University, Domus Academy, MIT, University of Chicago, New York University, CNR, London University, Stockholm University, New Hampshire University, University of Western Australia, Università di Modena e Reggio Emilia, Università Bicocca - Milano, Ministero Italiano dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca); attua interventi di consulenza in campo educativo; partecipa a iniziative di cooperazione con istituzioni per l’infanzia in vari Paesi; realizza pubblicazioni, tradotte a oggi in 22 lingue; gestisce diverse mostre itineranti, tra cui "I cento linguaggi dei bambini" e "Lo stupore del conoscere", e quelle allestite presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi.
Dal 2006 si è costituito il Network Internazionale di Reggio Children composto dai referenti dei Paesi (attualmente sono 33) che da più tempo e più stabilmente collaborano con Reggio Children alla realizzazione di iniziative e attività.
Da Reggio Children proviene la relatrice dei seminari di Tokyo, Marina Castagnetti. Nata a Milano, Castagnetti ha lavorato come insegnante di scuola dell’infanzia con bambini dai 3 ai 6 anni presso la scuola comunale dell’infanzia "Diana" di Reggio Emilia dal 1982 al 1999. Ha collaborato a numerosi progetti didattici della mostra "I Cento linguaggi dei bambini" e coordinato gli archivi e le attività del Centro Documentazione e Ricerca Educativa dell’Istituzione Scuole e Nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia dal 2000 al 2016. Attualmente segue progetti di formazione e consulenza nell’area internazionale di Reggio Children con sede al Centro Internazionale Loris Malaguzzi di Reggio Emilia. Ha partecipato in qualità di relatrice a numerosi convegni, seminari, corsi di formazione, giornate di studio, sia in Italia che all’estero sul Reggio Emilia Approach. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi