OSSERVATORIO NAZIONALE DELLA LINGUA ITALIANA A WASHINGTON: IL RESOCONTO DI EDUITALIA

OSSERVATORIO NAZIONALE DELLA LINGUA ITALIANA A WASHINGTON: IL RESOCONTO DI EDUITALIA

WASHINGTON\ aise\ - “Interessante e partecipata” la riunione dell'Osservatorio Nazionale della Lingua Italiana svolta la scorsa settimana nella sede dell'Ambasciata d'Italia a Washington, cui per la prima volta ha partecipato anche EduItalia.
L'Osservatorio, organismo istituto dall'Ambasciata, è “una realtà di grande spessore culturale e fondamentale nel suo essere un raccordo dei principali attori che, negli Stati Uniti, sono attivamente coinvolti nella politica di promozione della lingua e cultura italiana”, riporta l’associazione nel resoconto dei lavori a Washington aperti dall’Ambasciatore Armando Varricchio.
Coordinati dal Primo Consigliere d'Ambasciata Domenico Bellantone e dalla Dirigente dell'Ufficio Scolastico Maria Fusco, sono quindi intervenuti gli “addetti ai lavori” che, riporta Eduitalia, hanno evidenziato le numerosissime attività, eventi, iniziative, buone pratiche, criticità in essere negli Stati Uniti per la promozione della lingua italiana.
Tra i principali obiettivi individuati dall'Osservatorio Nazionale della Lingua Italiana vi sono quelli di favorire la crescita quantitativa e qualitativa dei corsi di italiano nelle scuole statunitensi pubbliche e private, di mantenere un trend di crescita positivo negli esami AP Italian, di estendere lo studio della lingua italiana al di là del mondo prettamente scolastico, di incrementare la visibilità anche attraverso gli strumenti messi a disposizione dalla rete.
Una lingua italiana che, in diverse zone degli Stati Uniti, viene considerata come una lingua "cool" alla moda, utile, appassionante... una lingua che - grazie a un "esercito di bravi insegnati" - si è convinti possa essere appresa sempre di più dalla popolazione statunitense.
Per Eduitalia, al suo debutto ai lavori dell'Osservatorio, la riunione è stata “un'importante occasione per percepire e condividere il fermento che negli Stati Uniti vi è per la promozione della nostra lingua e cultura. Con attenzione sono stati discussi i numerosi spunti offerti dagli interventi dei Consoli Generali intervenuti, dagli interventi dei Dirigenti Scolastici, dei rappresentanti degli Enti Gestori, degli Istituti Italiani di Cultura, del Consiglio Generale degli Italiani all'estero, delle maggiori Associazioni Italo-Americane e del Mondo Accademico”. Nel proprio intervento Eduitalia ha “ringraziato i partecipanti per la loro continua azione di promozione sottolineando gli importanti effetti del loro operato anche in termini di successiva probabilità che gli statunitensi possano nel breve e/o lungo periodo studiare in Italia”.
I numeri di interesse negli Stati Uniti. La scheda Eduitalia
“Un'azione stimolante quella della promozione e che richiede un impegno costante in una nazione con il solo 20% degli studenti alle prese con una lingua straniera; percentuale bassa soprattutto se comparata per esempio agli studenti europei che, nel 92% dei casi, studiano una o più lingue straniere.
L'azione costante si rende ancor più necessaria considerando che su quel 20% sono indirizzate le azioni di politica culturale di diverse nazioni tra cui le più attive sono (oltre alla nostra adorata Italia), la Cina, Francia, Giappone, Germania, Spagna.
In merito allo studio della lingua italiana le ultime note statistiche annoverano in 221.741 gli statunitensi alle prese con la nostra meravigliosa lingua; un bacino di utenza enorme che da solo rappresenta oltre il 10% dei 2.145.093 a livello mondiale (Fonte: "L'ITALIANO NEL MONDO CHE CAMBIA- 2018" pubblicazione presentata nel corso della 3^ edizione degli Stati Generali della Lingua Italiana nel mondo).
In relazione ai numeri relativi all'esame AP, in attesa dei risultati relativi al 2019 che saranno resi noti nel mese di luglio, sono 13.335 coloro i quali dal 2013 al 2018 hanno sostenuto tale prestigioso esame che consente il diretto riconoscimento dei crediti universitari e che, per la promozione del quale dal 2013 Eduitalia collabora con l'intera Rete Diplomatico/Consolare Italiana negli Stati Uniti.
Ricordiamo infine come, in relazione agli studenti americani abroad, sono 35.366 (pari al 10,6% su un totale di 332.727 americani) coloro i quali nell'ultimo anno accademico 2016/2017 censito (Fonte IIE Institute of International Education) hanno studiato sul territorio italiano; di questi 8.000 circa frequentano gli Istituti Associati a Eduitalia”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi