UN ANNO “PARTICOLARISSIMO”: IL BILANCIO DELLA SCUOLA ITALIANA DI ATENE

UN ANNO “PARTICOLARISSIMO”: IL BILANCIO DELLA SCUOLA ITALIANA DI ATENE

ATENE\ aise\ - “Chiuso questo particolarissimo anno scolastico, è tempo di riflessione e ripensamento. Abbiamo davanti a noi la ripresa di settembre, alla quale stiamo già da tempo lavorando alacremente per garantire a tutti, studentesse e studenti, personale Docente e non Docente la giusta sicurezza. Sentiamo però, in via prioritaria, di dover fare il punto su cosa abbiamo fatto e come lo abbiamo fatto”. Parte da qui il “bilancio” che il dirigente scolastico della Scuola Italiana di Atene, Emilio Luzi, insieme al Collegio Docenti e al personale ATA, affida al sito web della scuola, dopo tre mesi di didattica a distanza.
Mesi di attività svolte in modo diverso, dunque, anche grazie alla collaborazione delle famiglie, che preside e insegnanti non mancano di ringraziare.
“Il 10 marzo 2020 – si legge nel report – l’Istituto Onnicomprensivo Statale Italiano di Atene, a causa dell’emergenza Covid 19, non appena lo Stato greco lo ha deciso, ha dovuto chiudere le attività didattiche in presenza per salvaguardare la salute di tutti i suoi utenti.
Ma la Scuola non si è fermata: il Dirigente Scolastico, sempre presente a scuola con le dovute precauzioni, ma anche telematicamente dal suo ufficio, ha intrapreso le opportune iniziative. All’avvio di questa fase l’attività formativa si è svolta soprattutto con scambio di materiali via email; dopo pochi giorni è stata individuata e nominata la docente Di Rosa Daniela, esperta nel settore, quale “Responsabile e Coordinatrice della Didattica a Distanza”.
Subito dopo è stata attivata la Google Suite di Istituto, con dominio “scuolaitaliana.gr”, e tutti, insegnanti, alunni, genitori e personale ATA, hanno potuto lavorare in un ambiente sicuro, in cooperazione sinergica. Si è riusciti a fare scuola a distanza e a stare quanto più possibile vicino ai nostri alunni in questo difficile momento, per socializzare e rassicurare, impartendo informazioni e rimuovendo ostacoli di vario tipo, per mettere tutti nelle condizioni di poter continuare a lavorare proficuamente.
Per un ulteriore supporto, sempre nel giro di pochi giorni, è stato allestito uno sportello online, sempre work in progress, per insegnanti, genitori e alunni, all’interno del sito della scuola, visibile al seguente link, https://www.scuolaitaliana.gr/dad/, ricco di guide e tutorial.
Durante questo periodo di sospensione delle attività didattiche in presenza, gli interventi effettuati si sono basati sui seguenti principi: Mantenere attiva la relazione educativa docente-alunno; Consolidare conoscenze/abilità già avviate; Eseguire esercitazioni; Sviluppare competenze digitali. Ciò ha riguardato l’intero gruppo classe, la cui dimensione inclusiva è stata sollecitata, con riferimenti particolari alla situazione degli alunni con BES.
È stata messa in atto un’attività di specifica programmazione, al fine di evitare sovrapposizioni tra le discipline nell’erogazione a distanza, sovraffollamento di email e di procedere in modo ordinato e coerente. Nel rispetto dell’orario delle lezioni di ciascuna disciplina, osservato nella didattica d’aula, è stato concordato con tutti i docenti, durante meeting in modalità telematica, di bilanciare le attività online di tipo sincrono (Google Meet per videoconferenze e feedback) e asincrono (attività anche realizzate offline), tenendo conto della necessità di mantenere tempi accettabili di esposizione agli schermi, in base all’età degli alunni. La modalità sincrona si è svolta per 3 ore al giorno per classe, con gli studenti delle medie e del liceo e, per un’ora, con gli alunni della scuola primaria.
Dal punto di vista organizzativo, è stato comunicato alla classe un piano fisso di lezioni sincrone, per agevolare l’organizzazione delle famiglie e l’uso dei device a disposizione, onde creare anche una routine necessaria in questo tempo di emergenza. Chi si è trovato in difficoltà e ne ha fatto richiesta ha ricevuto dalla Scuola un computer in uso per poter partecipare. In modalità asincrona, sono state svolte tutte le altre attività, ovvero le iniziative che prevedevano la consegna agli studenti di compiti e di materiali per il loro svolgimento.
Il peso, in tempo / impegno per studente, di tutte queste attività, è stato commisurato logicamente al peso di ciascuna disciplina, entro il monte ore complessivo della classe interessata. Pertanto, per una corretta modalità dell’erogazione della DAD sono stati attivati: 1. RE (registro elettronico), Argo DidUp famiglia, per tutte le classi, da usare per assegnare compiti e renderli visibili alle famiglie, come strumento di monitoraggio; 2. Potenziamento della DAD con strumento di produzione, scambio, condivisione: a) Google Classroom, rispetto alle quali si sottolinea la necessità di: coinvolgere la comunità educante; rispettare le norme in materia di privacy, tutela dei dati, (applicazione del GDPR); verificare la qualificazione AGID, rispetto al sevizio cloud scelto (DPCM del 31.05.2017 e Circolare AGID n.3 del 19.04.2018).
L’apprendimento a distanza è avvenuto all’interno di un ambiente digitale e virtuale, che ha rappresentato un ecosistema su cui si è intervenuto in modo multidimensionale nelle sue diverse componenti.
ALUNNI: gli alunni sono stati resi consapevoli e responsabili, in proporzione all’età, verso una modalità di apprendimento diversa e sono stati seguiti e assistiti nell’utilizzo;
FAMIGLIA: la collaborazione con la famiglia è stata fondamentale: i genitori sono stati costantemente informati e coinvolti;
DOCENTI: l’insegnamento a distanza ha comportato modalità diverse non solo per l’utilizzo di strumenti digitali, ma anche per le metodologie. I docenti tutti si sono impegnati nella DaD, hanno partecipato a distanza a Video-conferenze con Meet formativi e informativi sull’uso delle potenzialità di base della G. suite ed hanno lavorato assiduamente con gli alunni in una sorta di learning by doing.
Ci è toccato addestrarci mentre agivamo, certamente alcune cose oggi non le rifaremmo mentre altre restano il nostro fiore all’occhiello. In questa fase il coinvolgimento delle famiglie è stato inevitabile, necessario, sempre responsabile e collaborativo.
A tutti i genitori va un ringraziamento per questa collaborazione nell’interesse dei loro figli, nostre studentesse e nostri studenti. Dunque ancora un caro saluto a tutti, con l’augurio di recuperare energie ed entusiasmo per il nuovo anno, pronti ad una prova che supereremo insieme compatti e motivati. Buona Estate”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi