TUNISIA: L’IMPEGNO DI AICS E UNICEF PER I SERVIZI DEDICATI ALL’INFANZIA

TUNISIA: L’IMPEGNO DI AICS E UNICEF PER I SERVIZI DEDICATI ALL’INFANZIA

TUNISI\ aise\ - Nel corso di una cerimonia tenutasi venerdì 12 aprile presso la delegazione Haffouz, Kairouan, il ministro degli Affari sociali, l'Unione tunisina di solidarietà sociale (UTSS), l'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS) e il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF) hanno gettato le basi per il nuovo centro di riferimento per i servizi per l'infanzia.
Questo centro di riferimento sarà sviluppato nell'asilo di Haffouz attraverso lo sviluppo di locali esistenti e la costruzione di nuovi spazi seguendo i nuovi standard stabiliti dal governo tunisino. Dal prossimo anno scolastico, la capacità di accoglienza del centro raddoppierà, passando da 60 a 120 bambini. Oltre a fornire servizi per la prima infanzia, il centro di riferimento fungerà da luogo di formazione per futuri educatori prescolari, formazione continua per professionisti e offrirà sessioni informative dedicate ai genitori dei bambini. Il centro sarà aperto anche ai professionisti della scuola materna del settore privato per identificare le buone pratiche e replicarle nelle loro strutture.
Il centro di Haffouz è uno dei tre centri modello sviluppati e istituiti dal governo tunisino con il supporto tecnico dell'UNICEF, i finanziamenti dell'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo e dell'Unione europea per bambini da 3 a 6 anni. Quest'iniziativa fa parte della Strategia nazionale multisettoriale per lo sviluppo della prima infanzia per il 2017-2025, elaborata dal Ministero della Pubblica Istruzione.
Il centro sarà gestito dall'UTSS, mentre un altro centro situato a Jendouba sarà sotto il Ministero della Pubblica Istruzione. Sarà infine aperto a Tunisi, sotto la responsabilità del Ministero della donna, un terzo centro.
I tre centri presenteranno modelli replicabili di servizi di istruzione prescolastica che si basano su nuovi standard per quel che riguarda l'organizzazione degli spazi, le attrezzature, la gestione e i servizi educativi forniti alla prima infanzia. Saranno inoltre forniti corsi di formazione in materia di istruzione prescolare e nuovi approcci pedagogici in modo che i professionisti possano applicare gli standard richiesti.
Mohamed Trabelsi, ministro degli Affari sociali, ha detto che il suo ministero è "un attore importante nella promozione dei diritti dei bambini in Tunisia e in tutto il programma sviluppato e sostenuto dal Ministero in favore della famiglia e dei bambini. Questo rinnovato impegno per i bambini è cristallizzato dalla strategia nazionale per combattere il lavoro minorile, programmi di assistenza sociale inclusiva, l'istituzione di un piano nazionale di protezione sociale con la sua dimensione infantile". Ha inoltre aggiunto che "il ministero è uno dei principali partner dei programmi multisettoriali sviluppati dal governo a favore dei bambini come il dispositivo della seconda chance previsto per i bambini e gli adolescenti che hanno abbandonato la scuola".
"Questa cerimonia ci ricorda che i bambini tunisini sono i veri protagonisti dello sviluppo del paese", ha dichiarato Eleonora Fiorello, responsabile dello sviluppo locale e il decentramento per l'Agenzia Italiana per la cooperazione allo sviluppo in Tunisia. "Oggi gettiamo le basi per la loro crescita al fine di migliorare la qualità dell'istruzione delle nuove generazioni per costruire la Tunisia di domani. Questo impegno non è l'unico della nostra agenzia a favore dell'istruzione in Tunisia, che è ora uno dei settori prioritari della nostra azione nel paese, insieme alla creazione di lavoro e allo sviluppo locale e regionale. In effetti, il nostro sostegno all'infanzia e all'istruzione in Tunisia mira a promuovere i diritti fondamentali di ogni bambino, ma allo stesso tempo contribuisce a migliorare la qualità della vita delle famiglie tunisine in senso lato. Il sostegno della Cooperazione Italiana garantisce così questo sforzo nel processo di decentralizzazione avviato dalla Tunisia dopo la promulgazione della Costituzione del 2014, grazie a una migliore disponibilità di servizi cittadini tunisini nelle loro città e nelle loro regioni"
Lila Pieters, rappresentante dell'UNICEF in Tunisia, si è detta "felice per quest'anno delle celebrazioni del 30° anniversario della Convenzione sui diritti dell'infanzia, e che l'UNICEF partecipi alla creazione di questi primi modelli di centri di riferimento per la prima infanzia, che contribuiranno a migliorare la qualità dell'istruzione prescolare, un diritto per ogni bambino, che non può essere garantito senza il contributo attivo di tutti gli attori interessati: Governo, società civile,organizzazioni e famiglie. Siamo chiamati a mettere i nostri mezzi e il nostro know-how per la tutela dell'infanzia. L'UNICEF applaude l'impegno delle autorità locali e dell'UTSS a dare a tutti i bambini, specialmente quelli appartenenti alle famiglie svantaggiate, l'accesso a servizi pre-scolastici di qualità per bambini, educatori e genitori". (aise)


Newsletter
Archivi