“A PREMIÈRE VUE”: AL MAXXI IL PROGETTO DI COPEAM

“A PREMIÈRE VUE”: AL MAXXI IL PROGETTO DI COPEAM

ROMA\ aise\ - A première vue” è un progetto di cooperazione che nasce per promuovere le migliori opere prime degli studenti di alcune scuole di cinema del sud del Mediterraneo, ed è realizzato da COPEAM nell’ambito di Rai Prix Italia, in collaborazione con l'Università telematica internazionale Uninettuno, ESAC (Ecole Supérieure de l'Audiovisuel et du Cinéma) di Tunisi, ESAV (École Supérieure des Arts Visuels) di Marrakech e ALBA (Académie Libanaise des Beaux-Arts) di Beirut.
I cortometraggi scelti per questa proiezione sono 5 e sono realizzati da giovani registi marocchini, tunisini e libanesi. Della scuola libanese, verranno proposte tre brevi animazioni, due delle quali completate negli ultimissimi mesi, malgrado le restrizioni legate al Covid-19 e la terribile esplosione che ha devastato Beirut lo scorso agosto abbiano reso quest’anno di studi particolarmente complesso e sofferto. Da Tunisi e da Marrakech, due giovani registe ci condurranno dentro ad atmosfere cupe e inquietanti: dalla passione morbosa di una fotografa in “Frame”, allo scenario distopico di “TF2011”, in cui la protagonista cerca di ribellarsi al regime che ha privato la popolazione di libertà e pensiero.
Storie dure, provocatorie, dirette, dove c’è poco spazio per il lieto fine e per compiacere il pubblico. Ma la lucidità, la consapevolezza e il talento con cui ce le consegnano sono il segno di una generazione di creativi e creative che pone domande profonde e vuole scuotere le coscienze. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi