CICLONE IDAI/ DAL MOZAMBICO LA VOCE DI GIOVANNI PUTOTO DEL CUAMM: SITUAZIONE DRAMMATICA

CICLONE IDAI/ DAL MOZAMBICO LA VOCE DI GIOVANNI PUTOTO DEL CUAMM: SITUAZIONE DRAMMATICA

BEIRA\ aise\ - Nell’area di Beira, in Mozambico, sono quasi 800.000 le persone colpite dal ciclone Idai che si è abbattuto sulla città il 14 marzo scorso. Sono in cerca di rifugio, bisognose di acqua, cibo e assistenza sanitaria, mentre si manifestano i primi segni di epidemie di diarrea.
Secondo le stime delle Nazioni Unite 74.600 sono donne sono incinte che dovranno partorire da qui ai prossimi mesi, con l’ospedale centrale e la rete delle strutture sanitarie completamente fuori uso.
Da Beira la testimonianza di Giovanni Putoto, responsabile della programmazione di Medici con l’Africa Cuamm, conferma la situazione di grave emergenza: “Sono arrivato da un giorno a Beira in Mozambico, la città colpita dal ciclone Idai. Al momento sono oltre 40 i centri di raccolta degli sfollati concentrati nella città di Beira, per oltre 40.000 persone. Altri 33 centri si trovano tra Dondo e Nhamatanda, che sono i distretti vicini. Si tratta di persone sfollate prive di tutto. Molte di queste sono ancora disperse all’interno, per recuperare queste persone sono necessari mezzi di trasporto come l’elicottero. Il cibo e l’acqua sono i bisogni più acuti, drammatici. La tensione sociale è molto alta, sono stati assaliti magazzini e negozi. L’impatto del ciclone sulle strutture è stato devastante. Tantissimi edifici, case, uffici, ambulatori, scuole, chiese, magazzini, palazzi, sono senza tetto. C’è una corsa inverosimile a darsi un minimo di riparo e la gente si aiuta da sola grazie ai legami di parentela e amicizia. La rete sanitaria è gravemente compromessa: l’ospedale centrale di Beira, di 800 posti letto, funziona come un centro sanitario, tutta l’attività chirurgica e ortopedica è paralizzata. È possibile realizzare solo il cesareo, in una stanza di emergenza trasformata in sala operatoria. Bisogna fare presto! Il Cuamm si sta attivando su due versanti: l’aiuto umanitario, da una parte, portando cibo, acqua, protezione e riparo agli sfollati. Dall’altra parte abbiamo cominciato anche ad aiutare i servizi sanitari, mantenendo la nostra presenza con dei medici nel Berçario, cioè nella neonatologia dell’ospedale, dove i piccoli bambini appena nati sono stati trasferiti d’urgenza dal reparto che è a cielo aperto, dove piove, in Pediatria. Allo stesso tempo ci stiamo dando da fare per recuperare i pazienti malati di Hiv che devono essere trattati e non possono sospendere la terapia. È una corsa contro il tempo”.
Ad oggi sono 447 i morti confermati solo in Mozambico, ma si prevede che il numero sia destinato a crescere oltre il migliaio. Rimane alto il rischio di epidemie come il colera, endemico nella zona di Beira, che potrebbe facilmente propagarsi nei territori allagati. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi