“Coltivare l’inclusione”: in Burkina Faso il progetto di Cbm e Aics per la sicurezza alimentare

ROMA\ aise\ - Prosegue il progetto “Coltivare l’inclusione”, realizzato dall’organizzazione umanitaria internazionale Christian Blind Mission CBM e supportato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), che mira a rafforzare la sicurezza alimentare e la resilienza delle famiglie vulnerabili in Burkina Faso.
Il progetto rientra nella campagna “Break the Cycle” per spezzare il ciclo che lega disabilità e povertà.
Il progetto in Burkina Faso
L’obiettivo di questo progetto triennale (partito nel 2018 e in scadenza quest’anno) mira a implementare la sicurezza alimentare delle famiglie più vulnerabili nella Regione Centro-Sud del Paese, dove quasi la metà della popolazione vive in povertà, con un’attenzione particolare alle persone con disabilità e alle donne, i soggetti più vulnerabili.
Gli interventi realizzato fino ad ora riguardano: Formazione di produttori (di cui circa un terzo con disabilità) in tecniche di orticoltura, agro-forestazione, allevamento, apicoltura, agro-ecologia applicata e avicoltura di modo da avviare attività agricole e pastorali; Formazione di persone, soprattutto donne, in attività generatrici di reddito; Sensibilizzazione della autorità comunitarie sull’inclusione delle persone con disabilità; Interventi per il miglioramento della rete idrica per l’approvvigionamento di acqua pulita; Introduzione dei produttori ai servizi di risparmio e di credito. (aise)