COMUNITÀ PAPA GIOVANNI XXIII IN BRASILE CONTRO LE DROGHE

COMUNITÀ PAPA GIOVANNI XXIII IN BRASILE CONTRO LE DROGHE

ROMA\ aise\ - Si sta tenendo in questi giorni in Brasile, a Coronel Fabriciano, l’incontro degli operatori delle comunità terapeutiche organizzato dalla Papa Giovanni XXIII. Al meeting partecipano 30 operatori provenienti dalle 10 Comunità terapeutiche che l’associazione di don Benzi gestisce in Cile, Bolivia, Argentina e Brasile.
“La droga miete vittime in tutto il mondo e noi continuiamo a combatterla, anche in Sud America. Qui il problema droga si intreccia con la miseria, la violenza, la corruzione. Don Oreste Benzi ci ripeteva che i danni della droga sono anzitutto sulla persona, tanto che i danni fisici sono ben poca cosa rispetto a quelli morali. Per questo noi operiamo sulla persona. Rispondiamo al bisogno innato di relazione, che permette di conoscere sé stessi, capire i motivi che hanno portato alla dipendenza ed infine proponiamo alle persone di sperimentare nuovi modelli di vita. Coltiviamo nei giovani il seme della speranza”, commenta Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII.
La Comunità Papa Giovanni XXIII ha aperto nel 1980 la prima comunità terapeutica per il recupero delle persone con dipendenze patologiche. Oggi gestisce 22 Comunità Terapeutiche in Italia e 12 all'estero, in cui sono accolte oltre 300 persone. (aise) 

Newsletter
Archivi