“FOOD COALITION”: DALL’ITALIA UN PIANO INTERNAZIONALE PER COMBATTERE LA FAME NEL MONDO

“FOOD COALITION”: DALL’ITALIA UN PIANO INTERNAZIONALE PER COMBATTERE LA FAME NEL MONDO

ROMA\ aise\ - “È la prima volta che l’Italia, attraverso la Fao, propone e guida il piano per istituire una “Food Coalition” nella fase post Coronavirus, alla quale hanno già aderito Stati Uniti, Cina, Russia ed altri 30 paesi membri delle Nazioni Unite: l’obiettivo è stabilire un meccanismo internazionale in grado di fornire a tutti i governi delle linee guida d’azione per combattere la fame”. Ad affermarlo è stato il presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale della Camera dei Deputati (Comagri), Filippo Gallinella.
Nella dichiarazione, Gallinella ha spiegato che “la “Food Coalition” sarà composta da esperti, scienziati, studiosi e parti interessate, che supporteranno gli esperti della Fao a identificare i diversi impatti della pandemia sull’agricoltura e la nutrizione come, ad esempio, misure urgenti e assistenza sociale, istituzione di banche alimentari su cui attingere per le forniture, creazione di reti internazionali di solidarietà per interventi in agricoltura, studi sull’impatto di Coronavirus su sistemi alimentari mondiali. I dati della Fao – ha aggiunto ancora il presidente di Comagri – mostrano come la pandemia stia già influenzando i sistemi alimentari direttamente attraverso gli impatti sull’offerta e sulla domanda di alimenti, e indirettamente attraverso la riduzione del potere d’acquisto e della capacità di produrre e distribuire alimenti, che avrà un effetto differenziato e influenzerà più fortemente i vulnerabili. Nel caso di milioni di lavoratori agricoli migranti, la loro incapacità di lavorare influisce anche sull’approvvigionamento alimentare, in particolare per colture ad alta intensità di lavoro, di alto valore e nutrienti come frutta e verdura. Questa tenaglia rischia di portare alla fame oltre 119 milioni di persone in tutto il mondo, in particolare in 44 Paesi già a rischio carestia”.
Infine, Gallinella ha espresso anche grande “soddisfazione per l’iniziativa e sono convinto che dovremo continuare su questa strada, perché la “questione alimentare” è un problema di tutti. Proprio a tale proposito, è nato un anno fa l'Intergruppo parlamentare per la diffusione di queste tematiche e per l'integrazione delle norme nazionali”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi