L’ITALIA IN AFGHANISTAN: LOTTA AGLI ORDIGNI ESPLOSIVI IMPROVVISATI

L’ITALIA IN AFGHANISTAN: LOTTA AGLI ORDIGNI ESPLOSIVI IMPROVVISATI

HERAT\ aise\ - Addestramento delle Forze di Sicurezza afgane all’impiego delle tecniche e procedure per la raccolta prove nei rinvenimenti di ordigni esplosivi improvvisati nella missione in Afghanistan.
Il Train Advise and Assist Command West (TAAC-W) di Herat, comando multinazionale della NATO su base Brigata "Pinerolo" inquadrato nella Missione Resolute Support (RS), ha organizzato un corso per addestrare le Afghan National Defence Security Forces all'impiego delle tecniche e procedure per la raccolta di potenziali prove, per la successiva analisi forense, a seguito di attacchi o rinvenimenti di IED, Improvised Explosive Devices (ordigni esplosivi improvvisati).
In particolare, personale altamente specializzato del Contingente Italiano con l'ausilio di istruttori civili statunitensi, attraverso un addestramento mirato hanno incrementato le capacità e le competenze delle Forze di Sicurezza afgane sia nell'assolvimento di attività investigative che nell'applicazione delle procedure volte alla mitigazione del rischio derivante dagli ordigni improvvisati.
I partecipanti, oltre ad aver acquisito le competenze specifiche di settore, hanno altresì conseguito la qualifica di Istruttori.
Inoltre, i militari italiani hanno realizzato ed assemblato per l'occasione, a costo zero grazie all'impiego di materiale di risulta, un Instructor Tactical Exploitation kit che è stato donato agli studenti. Tale ausilio permetterà ai neo istruttori di condurre l'attività di insegnamento e trasmettere le conoscenze acquisite con una maggiore incisività.
Il lavoro degli Advisors italiani si inquadra nell'ambito della missione NATO Resolute Support (RS) con il compito principale di fornire addestramento, consulenza ed assistenza alle Forze di Sicurezza Afgane per migliorarne la funzionalità e la loro capacità di autosostenersi. (aise)



Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi