A Roma terza e conclusiva edizione del progetto “Scegli il Contemporaneo. La rivoluzione siamo noi”

ROMA\ aise\ - Alla sua terza e conclusiva edizione che si svolgerà a Roma dal 18 giugno al 30 settembre, il progetto “Scegli il Contemporaneo. La rivoluzione siamo noi” - titolo liberamente ispirato dall’omonima opera del 1972 dell’artista tedesco Joseph Beuys - è stato ideato durante l’insorgere dell’emergenza pandemica con la necessità di riflettere sull’importanza dell’arte e della creatività come mezzi rivoluzionari di liberazione e di cambiamento e con l’obbiettivo di sostenere alcune categorie professionali particolarmente colpite.
Organizzato da “Senza titolo” – Progetti aperti alla Cultura, società che da oltre dieci anni si occupa di progettazione e gestione di servizi educativi e di mediazione culturale per musei e mostre sul territorio nazionale, il progetto intende rientrare in possesso dei luoghi culturali della città con un denso programma di attività. L’iniziativa vuole proporre attività differenziate per i diversi pubblici: Art weekend, workshop, visite guidate, incontri di formazione didattica rivolti ad adulti, pubblico sordo, bambini, operatori culturali. Questa estate saranno coinvolti: il MACRO, Palazzo delle Esposizioni, Cinecittà si Mostra e il MIAC, il Museo delle Civiltà, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, il MAXXI.
“Scegli il Contemporaneo”, un progetto di “Senza titolo” a cura di Elena Lydia Scipioni, è una piattaforma culturale intermuseale che tesse una rete di collegamenti tra le proposte culturali di musei e spazi espositivi di Roma attraverso visite speciali alle mostre temporanee e permanenti per il pubblico, con artisti, scrittori, illustratori, esperti in didattica museale, divulgatori scientifici; attività didattiche nei musei e nelle scuole per adulti, studenti, bambini, famiglie, e pubblico sordo; video racconti e documentari dedicati agli artisti.
In linea con la mission di “Senza titolo”, che da anni opera come ponte tra la scuola e i musei in dialogo con le eccellenze professionali del territorio, “Scegli il Contemporaneo. La rivoluzione siamo noi” vuole dare un ruolo centrale all’individuo e alla collettività, con lo scopo di riflettere sul ruolo da affidare alla cultura e alla didattica nel nostro Paese.
Novità di questa edizione conclusiva, un focus speciale sulla mostra antologica dell’artista, stilista e designer Cinzia Ruggeri (1942-2019), in mostra al MACRO. Il progetto “Scegli il Contemporaneo. La rivoluzione siamo noi” prenderà infatti il via sabato 18 e domenica 19 giugno al MACRO e proseguirà, tra gli altri, con diversi appuntamenti per tutta l’estate attraverso attività per adulti e per bambini dai 6 agli 11 anni che costituiranno un’imperdibile occasione per approfondire la ricerca versatile di questa figura irregolare che ha lavorato con assoluta libertà tra diverse discipline per raccontare un mondo fondato su un immaginario ironico, provocatorio, elegante, mai scontato. Una collaborazione continuativa con il Museo che durerà tutta l’estate e consentirà al pubblico di conoscere l’universo creativo di questa eclettica figura che attraverso oggetti, vestiti, installazioni, ha creato mondi fatti di libere associazioni.
Altra novità dell’edizione 2022, la partecipazione di professionisti della didattica dell’arte contemporanea provenienti da musei e fondazioni per l’arte contemporanea - Pirelli HangarBicocca, Milano, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, Cinecittà si Mostra e MIAC, Roma, GAMeC, Bergamo, Museo delle Civiltà, Roma - invitati a condurre gli incontri nell’ambito del Ciclo di formazione che si terrà a Roma in diversi musei e spazi espositivi dal 2 settembre.
Alla sua terza edizione, il ciclo di formazione Rivoluzioni di idee: pratiche e metodologie per una didattica attiva, a cura di Serena Giulia Della Porta, destinato a educatori museali, operatori culturali e docenti, avrà luogo a settembre in alcuni musei della capitale. Esperti di didattica dell’arte contemporanea terranno incontri di formazione al Palazzo delle Esposizioni, al MACRO, alla Galleria Nazionale, al MAXXI, al Museo delle Civiltà, per condividere le più aggiornate visioni della comunicazione dell’arte in un'ottica di scambio e di sviluppo professionale interdisciplinare e di coinvolgimento attivo. L’obbiettivo è quello di riflettere sul ruolo del museo e della didattica dell’arte come strumenti per la crescita e lo sviluppo delle competenze
professionali nell’adulto e personali nel bambino; approfondire le differenti metodologie in relazione a opere d’arte appartenenti a collezioni differenti per ambito di ricerca e per natura del patrimonio di appartenenza; coinvolgere i partecipanti in attività laboratoriali davanti alle opere e in relazione ai temi proposti dagli ospiti.
Gli incontri di formazione saranno in italiano e in LIS (Lingua dei Segni Italiana), in simultanea, allo scopo di favorire l’inclusione e consentendo a un pubblico sempre più ampio di formarsi e aggiornarsi sulle più attuali metodologie e pratiche di formazione didattica museale.
Le attività didattiche degli Art weekend sono dedicate agli adulti e ai bambini; offriranno l’opportunità ai partecipanti di diventare protagonisti di “un’azione creativa” e partecipata attraverso visite animate, workshop ed esperienze pratiche e laboratoriali.
La progettazione delle attività didattiche è ideata da Zelda De Lillo, esperta di didattica dell’arte e del cinema con un’esperienza in progetti educativi basati sulla narrazione e sulla partecipazione.
Il progetto prevede l’incremento dell’app gratuita di “Scegli il Contemporaneo” che viene aggiornata con nuovi percorsi narrativi e interattivi per il pubblico dedicati a una selezione delle attività svolte nei musei e consentirà anche al pubblico di tenersi aggiornato sui contenuti di tutte le edizioni precedenti con la possibilità di ascoltare racconti inediti di artisti, scrittori, registi e divulgatori scientifici, e sperimentare attività laboratoriali per conoscere il patrimonio culturale e artistico di Roma.
Sarà attiva la convenzione con Casa dello Spettatore per “AC-Affido Culturale”, progetto nazionale selezionato dall’impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile. (aise)