Al Testoni di Bologna torna - anche on line - il festival internazionale di teatro per bambini

BOLOGNA\ aise\ - La cultura a misura di bambino con spettacoli, seminari, presentazioni di libri, mostre, “pillole di poesia” e racconti, performance a sorpresa nei nidi e nelle scuole dell’infanzia e anche un Premio. Dal 7 al 12 maggio torna il festival internazionale di teatro e cultura per la prima infanzia, organizzato dal 2004 da La Baracca-Testoni Ragazzi di Bologna.
La manifestazione, dal titolo “Visioni di futuro, visioni di teatro…”, alla XVII edizione, segna la riapertura della programmazione dopo i provvedimenti contro la pandemia e per la prima volta sarà fruibile online su visionifestival.it, una piattaforma appositamente creata per l’evento.
Il Festival è dedicato a Valeria Frabetti, fondatrice e direttrice artistica de La Baracca-Testoni Ragazzi, scomparsa nell’agosto 2020, che viene ricordata attraverso l’iniziativa “pillole poetiche” e l’istituzione di un premio annuale a lei dedicato, che verrà presentato durante la manifestazione e consegnato ad autunno 2021. Il premio verrà assegnato a chi ha favorito lo sviluppo e la diffusione delle arti performative per i piccolissimi(0-4 anni) a Bologna e nel mondo.
L’iniziativa si conferma un osservatorio privilegiato sulle arti dal vivo per il pubblico da zero a sei anni, unendo idealmente, anche quest’anno, le comunità delle famiglie e delle scuole di Bologna a quella degli artisti e degli operatori internazionali attivi nel Teatro Ragazzi. La danza è il linguaggio più rappresentato, scelto per dare corpo, movimento ed emozione a tanti temi e storie diverse, ma non mancano le performance accompagnate da musica dal vivo. Le prime nazionali degli spettacoli stranieri, porteranno sul palco un ventaglio di proposte che spazia per provenienza geografica e per linguaggi mentre la proposta italiana incrocia e traduce le diverse tendenze internazionali, lasciando anche spazio a diverse scuole e tradizioni della produzione nazionale: un viaggio esperienziale tra trasformazione e scoperta, realizzato principalmente attraverso il teatro danza, con accenni fiabeschi. (aise)