BAROCCO EUROPEO RIPARTE DAI GIOVANI CON UN BANDO DI SELEZIONE PER LE VOCI DELL’INTERMEZZO “L’IMPRESARIO DELLE CANARIE”

Barocco Europeo riparte dai giovani con un bando di selezione per le voci dell’intermezzo “L’impresario delle Canarie”

PORDENONE\ aise\ - È stato lanciato questa settimana il nuovo bando di Barocco Europeo per la selezione di voci dell’intermezzo “L’impresario delle Canarie” di Domenico Sarro.
In Giuria un parterre internazionale di grandi nomi della musica: cantanti, musicisti, direttori, giornalisti, musicologi, discografici, esperti di comunicazione. Venti personalità di spicco del mondo musicale internazionale.
Il progetto è realizzato con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli, del Comune di Sacile (Pordenone), insieme ad altri partner e sostenitori pubblici e privati.
Il bando per le voci a ruolo è riservato a cantanti nati dopo il 1° gennaio 1989, che potranno così far conoscere il loro talento ad un parterre importantissimo per le loro opportunità di carriera.
I cantanti hanno tempo fino al 15 maggio per l'iscrizione al bando, con l’invio delle arie in file audio-video, che la Giuria valuterà nelle preselezioni da remoto.
Quindi i migliori tre Mezzosoprani e Baritoni si contenderanno i ruoli di Dorina e Nibbio con un’audizione in presenza a Sacile, il prossimo 27 giugno, di fronte a una Commissione ristretta, formata da Sara Mingardo, Vivica Genaux, Gianni Tangucci, Giulio Prandi, Roberta Pedrotti, Danilo Boaretto, oltre a Cesare Scarton (Regista) ed Eva Hribernik (Aiuto regia), ai quali sarà affidato l'allestimento scenico dell’opera.
Ma l'attenzione ai giovani non si ferma qui: un'altra novità importante, per questa produzione 2021, è costituita dalla partnership con l'Accademia di Belle Arti di Venezia, che parteciperà con i suoi allievi alla realizzazione della scenografia dello spettacolo, attraverso le innovative soluzioni artistiche permesse dalle tecnologie digitali.
“Barocco Europeo vuole ripartire dai giovani” conferma Donatella Busetto, presidente e direttrice artistica dell’Associazione. “Per guardare con ottimismo alla riapertura delle attività musicali, è necessario progettare con uno sguardo più ampio, dando spazio e opportunità alle nuove generazioni. La struttura della Giuria di queste elezioni è stata quindi pensata per offrire ai giovani cantanti una preziosa occasione di visibilità presso alcuni tra i migliori professionisti del settore, perché possano farsi conoscere, mettersi in gioco, darsi una chance, per la nostra o per altre produzioni. La pandemia non può e non deve compromettere il loro futuro”.
Il bando è disponibile qui. (aise) 

Newsletter
Archivi