PIER FRANCESCO ZAZO NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA A KIEV

Pier Francesco Zazo nuovo ambasciatore d’Italia a Kiev

ROMA\ aise\ - “Sono entusiasta di ritornare in Ucraina, un Paese a cui sono molto legato. Tra i nostri due popoli c’è un forte sentimento di affinità e amicizia. Sono pertanto fiducioso che potremo rafforzare ulteriormente i nostri già eccellenti rapporti in tutti i settori". Queste le prime parole di Pier Francesco Zazo nella sua nuova veste di ambasciatore d’Italia a Kiev.
A Zazo la Farnesina ha rivolto le proprie “congratulazioni” e gli auguri di buon lavoro con un tweet.
Nato a Benevento nel 1959, Pier Francesco Zazo si laurea in scienze politiche all’Università Luiss di Roma e nel 1985 entra in carriera diplomatica.
Il suo primo incarico è al Dipartimento per la Cooperazione allo Sviluppo e poi alla Direzione Generale Emigrazione. Nel 1988 è secondo segretario a Seoul, sede in cui è confermato con funzioni di secondo segretario commerciale, prima, e di primo segretario, poi. Primo segretario commerciale a Stoccolma nel 1992, è qui confermato con funzioni di consigliere commerciale.
Rientrato a Roma, è alla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, sino al 1999 quando è nominato consigliere a Kiev. Tre anni più tardi è consigliere commerciale a Mosca, dove è confermato con funzioni di primo consigliere commerciale.
Di nuovo alla Farnesina, è alle dirette dipendenze del Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo e poi all’Unità Tecnica Centrale della stessa DG, della quale è a capo nel 2006.
Promosso al grado di Ministro plenipotenziario, nel 2013 è nominato ambasciatore a Canberra, accreditato anche a Suva-Viti-Levu (Isole Figi), a Port Moresby (Papua Nuova Guinea), a Port Vila (Repubblica di Vanuatu), ad Honiara (Isole Salomone), a Palikir (Stati Federati della Micronesia) e nella Repubblica di Nauru.
Torna nel 2018 a Roma, alle dirette dipendenze del Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese e, poi, del Direttore Generale per la Mondializzazione e le Questioni globali. Nello stesso anno è nominato inviato speciale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per gli Stati insulari di piccole dimensioni del Pacifico ed anche coordinatore per la partecipazione dell’Italia ai programmi multilaterali riguardanti l’Antartide. (aise)



Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi