Istruzione internet e clima: le preoccupazioni di bambini e giovani in Africa e in Europa

GINEVRA\ aise\ - Partecipazione al processo decisionale, istruzione di qualità, accesso a Internet e crisi climatica: sono queste le principali preoccupazioni dei bambini e dei giovani in Africa e in Europa secondo i dati del sondaggio U-Report pubblicati oggi da Unicef, Unione Africana e Unione Europea.
Secondo i risultati del sondaggio, quasi la metà di tutti i giovani intervistati si sente esclusa dai processi decisionali politici che riguardano le loro vite. Mentre la grande maggioranza dei giovani intervistati (91%) vorrebbe avere più voce in capitolo nelle decisioni politiche che influenzano la loro vita, il 48% si sente completamente escluso. Il principale ostacolo che citano (59%) è la mancanza di accesso ai politici.
I risultati sono inclusi nel rapporto #YourVoiceYourFuture, uno sforzo congiunto tra UA, UE e UNICEF che riunisce i risultati e le raccomandazioni di quattro sondaggi U-Report in Africa e in Europa. Complessivamente, 450.000 giovani tra i 14 e i 35 anni hanno espresso le loro opinioni su argomenti chiave che riguardano il loro futuro e sono rilevanti per il partenariato tra Africa ed Europa.
"I giovani hanno un posto legittimo al tavolo delle decisioni. Sono gli agenti del cambiamento che insieme a noi costruiscono oggi un domani migliore. Abbiamo bisogno di ascoltarli, ma non è tutto quello che dobbiamo fare. Dobbiamo coinvolgere e dare ai giovani la possibilità di essere coinvolti nelle decisioni che riguardano la loro vita", ha dichiarato Jutta Urpilainen, Commissario europeo per i Partenariati Internazionali.
I giovani possono sentirsi delusi dalla politica tradizionale, ma stanno trovando modi alternativi per coinvolgere e mobilitare i loro coetanei. Una grande maggioranza (88%) afferma di sentirsi responsabile di affrontare il cambiamento climatico, mentre il 71% vuole effettivamente giocare un ruolo nella transizione verde. Circa il 65% degli intervistati afferma di essere attivo in una rete o organizzazione giovanile nella propria comunità.
"In mezzo a tutte le sfide che si stanno affrontando con l'avvento della “nuova normalità”, poche cose sono rimaste costanti - l'incrollabile resilienza, l'energia e l'ingegnosità dei giovani di tutto il mondo. Ora più che mai, è chiaro che i giovani sono parte integrante della ripresa, del progresso e della sostenibilità di questo mondo", ha dichiarato Sarah Anyang Agbor, Commissario AU per le risorse umane, le scienze e la tecnologia.
I bambini e i giovani hanno il diritto di essere ascoltati sulle questioni che riguardano la loro vita, che si tratti di istruzione o di cambiamento climatico.
Con la campagna #YourVoiceYourFuture e i quattro sondaggi U-Report, l'Unione europea e l'Unione africana hanno unito le forze per esplorare nuovi modi per coinvolgere i giovani, per fornire informazioni per la definizione delle politiche, creare interesse sulle questioni giovanili e avvicinare i giovani e i responsabili delle decisioni in entrambi i continenti. I risultati della campagna ispireranno l'agenda del Vertice della gioventù Africa-Europa 2021, e alla fine confluiranno nel prossimo Vertice UA-UE dei capi di Stato e di governo.
"Quando i bambini e i giovani parlano, il mondo dovrebbe ascoltare", ha dichiarato Charlotte Petri Gornitzka, Vice direttore generale dell'UNICEF. "Che i loro paesi siano ricchi o poveri, in guerra o in pace, le loro richieste sono le stesse: avere più voce in capitolo nelle decisioni che li riguardano, un pianeta più sano e migliori opportunità. In un momento in cui così tante speranze sono state deluse a causa di una pandemia furiosa e della crescente povertà, questo non è troppo da chiedere".
Il rapporto #YourVoiceYourFuture comprende i risultati del sondaggio U-Report e le raccomandazioni sui temi del cambiamento climatico e la transizione verde; la trasformazione digitale e le infrastrutture sociali; l'istruzione, le competenze e i lavori dignitosi, e la governance, la pace e la sicurezza.
I DATI DEL RAPPORTO
Il 59% dei giovani intervistati ha identificato la mancanza di accesso ai politici come la più grande barriera al loro coinvolgimento nel processo decisionale, con alcuni (17%) che citano la mancanza di sostegno per coloro che sono al potere.
I giovani trovano che i finanziamenti inadeguati per l'istruzione (43%) e la sua scarsa qualità (17%) siano grandi barriere per reimmaginare un futuro migliore per loro.
Il 75% dei giovani affronta barriere per accedere a Internet. I principali fattori limitanti sono l'alto costo del traffico dati (38%), l'impossibilità di permettersi dispositivi internet (29%) e la mancanza di elettricità (40%).
Il più grande cambiamento legato al cambiamento climatico che i giovani hanno osservato nel loro ambiente è stato identificato dal 48% come una ridotta produzione o disponibilità di cibo.
La sensibilizzazione è l'azione più importante per combattere il cambiamento climatico e ridurre i danni all'ambiente, secondo il 43% dei giovani, insieme al riciclo dei rifiuti (15%) e alla riduzione del consumo di risorse naturali (15%).
La mancanza di capitale e di risorse per attuare idee ecologiche è stata indicata dal 47% dei giovani come la più grande sfida per sostenere la transizione verso un'economia verde.
Il 38% dei giovani ha raccomandato di creare più posti di lavoro dignitosi nel settore agricolo, seguito dalle industrie creative (20%) e dal settore manifatturiero (16%). (aise)