PIANO COVAX: DALL’UNICEF AIUTI PER LE VACCINAZIONI IN PAESI IN VIA DI SVILUPPO

Piano COVAX: dall’UNICEF aiuti per le vaccinazioni in paesi in via di sviluppo

GINEVRA\ aise\ - L’UNICEF ha inviato 100.000 siringhe e 1.000 contenitori per rifiuti sanitari per le vaccinazioni contro il COVID-19 alle Maldive tramite trasporto aereo dal magazzino umanitario dell'UNICEF a Dubai - parte della prima ondata di spedizioni di siringhe legate al COVID-19 che inizieranno a essere distribuite nei prossimi giorni. Le altre spedizioni della prima ondata comprendono la Costa d'Avorio e São Tomé e Príncipe.
Le siringhe da 0,5ml e i contenitori per rifiuti sanitari dovrebbero arrivare a Malé, nelle Maldive, nella giornata di oggi. Nelle prossime settimane, l’UNICEF spedirà oltre 14,5 milioni di siringhe a disattivazione automatica da 0,5ml e da 0,3ml in oltre 30 paesi. Le siringhe da 0,5ml servono per l’utilizzo del vaccino del Serum Institute of India/AstraZeneca, quelle da 0,3ml sono per il vaccino Pfizer-BioNTech.
“In questa battaglia globale contro la pandemia da COVID-19, le siringhe sono tanto vitali quanto il vaccino stesso”, ha dichiarato il Direttore generale dell’UNICEF Henrietta Fore. “È fondamentale avere forniture adeguate di siringhe già sul posto in ogni paese prima che arrivi il vaccino, così il vaccino potrà essere somministrato in sicurezza. Questo permetterebbe alla vaccinazione di iniziare immediatamente e aiuterebbe a cambiare le sorti di questo terribile virus”.
I paesi che riceveranno le siringhe in questa tranche iniziale sono quelli inclusi nella distribuzione indicativa di COVAX e che hanno richiesto all’UNICEF di ricevere forniture di siringhe. Queste spedizioni supporteranno la distribuzione nei paesi dei vaccini contro il COVID-19 e fanno parte del lavoro della COVAX Facility, per fornire vaccini a tutti i paesi partecipanti.
Le siringhe da 0,5ml vengono spedite dal magazzino umanitario dell'UNICEF a Dubai, mentre le siringhe da 0,3ml e 2ml saranno trasportate direttamente da un produttore in Spagna. Le spedizioni includeranno anche contenitori per rifiuti sanitari per lo smaltimento sicuro delle siringhe.
Entrambi i tipi di siringhe sono a disattivazione automatica, ciò significa che non possono essere riutilizzate dopo la somministrazione di una singola dose di vaccino. Ciò riduce il rischio di contagio da malattie trasmissibili per via ematica a causa del riutilizzo delle siringhe.
In tutto, l'UNICEF fornirà fino a 1 miliardo di siringhe e 10 milioni di contenitori per rifiuti sanitari ai paesi nel 2021 per garantire che siano pronti per le vaccinazioni contro il COVID-19. Per soddisfare la richiesta di queste forniture vitali, l'UNICEF ha creato una scorta di quasi mezzo miliardo di siringhe nei suoi magazzini di Copenaghen e Dubai in preparazione del più ampio lancio di vaccini contro il COVID-19 in 82 paesi a basso e medio reddito.
L’UNICEF sta lavorando con le compagnie aeree, operatori per la logistica e spedizionieri per assicurare che le siringhe vengano trattate come traffico merci prioritario, sia che siano inviate direttamente dal produttore, sia da un magazzino dell’UNICEF al punto di ingresso del paese di destinazione. Anche se le prime spedizioni avverranno per via aerea, la maggior parte delle siringhe e dei contenitori per rifiuti sanitari sarà trasportata via mare, a causa del grosso quantitativo di spazio che richiedono come carico.
L’UNICEF punta a rendere 2 miliardi di dosi del vaccino contro il COVID-19 disponibili per la spedizione entro il 2021. Anche prima del COVID-19, l’UNICEF era già il maggiore acquirente singolo di vaccini al mondo, fornendo oltre 2 miliardi di vaccini annualmente per raggiungere circa la metà dei bambini del mondo sotto i 5 anni. Inoltre, l’organizzazione procura e fornisce circa 600-800 milioni di siringhe per i programmi di vaccinazione ordinaria ogni anno.
COVAX è una collaborazione globale guidata da Gavi – l’Alleanza per i vaccini -, CEPI (Coalition for Epidemic Preparedness Innovations) e dall’OMS, e include l’UNICEF, che si occupa dell'approvvigionamento e della consegna, oltre a preparare i paesi a ricevere i vaccini. (aise) 

Newsletter
Archivi