RUN FOR MEM 2020: A LIVORNO LA CORSO PER LA MEMORIA

RUN FOR MEM 2020: A LIVORNO LA CORSO PER LA MEMORIA

LIVORNO\ aise\ - Si svolgerà domani, vigilia della Giornata della Memoria 2020, a Livorno, la corsa per la memoria (Run for Mem 2020), organizzata dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, quest’anno in collaborazione con la Comunità Ebraica di Livorno. Percorso di 7 km, partenza alle ore 10.00 da P.za Benamozegh (Sinagoga).
“L’obbiettivo è di coinvolgere più persone possibile. La passione per la corsa è radicata a Livorno, quindi indirizziamo questa passione verso temi importanti come la Memoria, la solidarietà, il ricordo di quanto è stato. Anche perché la Memoria di questi temi è quotidianamente messa a rischio.” Queste le parole del Sindaco di Livorno, Luca Salvetti, alla presentazione della corsa avvenuta nei giorni scorsi.
Il Presidente della Comunità Ebraica di Livorno Vittorio Mosseri ha sottolineato come ci sia una tradizionale vicinanza tra Livorno, città in cui non c’è mai stato un ghetto, e la Comunità, e nonostante questo, a Livorno e provincia “oltre trecento cittadini furono deportati, pochi fecero ritorno. Dunque corriamo per ricordare, per una Memoria intesa come fonte di costruzione del futuro, per le giovani generazioni. Per questo - ha continuato Mosseri - occorre coinvolgere quanta più cittadinanza possibile, perché è importante battersi, ed essere pronti e attenti contro i rigurgiti di fascismo e antisemitismo.”
Il percorso è lungo circa 7 km. Gli atleti, dopo la partenza da Piazza Benamozegh, passeranno per Piazza della Vittoria (di fronte al monumento ai caduti della prima guerra mondiale), Via Micali (dove ha sede il museo ebraico e dove, dopo le leggi del ’38, fu istituita una “scuolina” nella quale confluirono gli alunni ebrei), Viale della Libertà (di fronte alla stele che ricorda i partigiani e i perseguitati antifascisti). La corsa si concluderà in Piazza del Municipio, a simboleggiare l’unità tra la città di Livorno e la sua comunità ebraica.
Alla corsa sarà possibile partecipare anche in bicicletta, in ricordo di Gino Bartali, Giusto tra le Nazioni.
“Non tutti sanno che Bartali, durante gli allenamenti, nella canna della bici portava i documenti falsi. Contribuì a salvare qualcosa come 800 ebrei - ha detto il presidente del Coni Livorno Gianni Giannone -. Lui metteva tutto dentro la canna, e i nazifascisti non ebbero la furbizia di cercare lì. Lo sport può andare al di là dell’aspetto agonistico. E siamo felici siano coinvolti, per la Run for Mem, atleti come Rolando Rigoli e Mario Aldo Montano, oltre a Fabrizio Mori, che ringrazio per essere qui con noi. Tutti e tre sono Testimonial della corsa”.
I tre atleti livornesi – Rigoli e Montano oro alle Olimpiadi di Monaco del ’72, Mori ostacolista campione del mondo a Siviglia 1999 – saranno Testimonial insieme a un altro atleta straordinario, Shaul Ladany, podista olimpionico israeliano dalla storia incredibile, oggi 83enne, sopravvissuto al campo nazista di Bergen Belsen e all'eccidio di atleti israeliani avvenuto alle Olimpiadi di Monaco del 1972.
“La Run for Mem ha una elevata valenza nazionale, ed è importante che si faccia a Livorno - ha chiosato l’Assessore alla Cultura del Comune di Livorno -. Vi invito a dare un occhio a tutte le manifestazioni che si fanno per la Memoria, patrocinate da Comune e Provincia. Vogliamo sottolineare l’attenzione per questo tema e l’affetto per la Comunità ebraica. I nostri destini sono un destino solo, Livorno lo condivide con la sua comunità ebraica. Questo è il motivo per cui è bello fare la Run for Mem qui, stiamo parlando di un destino condiviso. Quando si parla della comunità ebraica, ne va di Livorno”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi