UNICEF: CRISI NUTRIZIONALE PER QUASI 1 MILIONE DI PERSONE IN MOZAMBICO

UNICEF: CRISI NUTRIZIONALE PER QUASI 1 MILIONE DI PERSONE IN MOZAMBICO

GINEVRA\ aise\ - Secondo l’UNICEF, quasi 1 milione di persone, tra cui 160.000 bambini sotto i cinque anni, nel nord del Mozambico devono far fronte a carenze alimentari e a una crisi nutrizionale, con condizioni che dovrebbero peggiorare nei prossimi mesi. La terribile situazione è la diretta conseguenza della devastazione causata dai cicloni Idai e Kenneth, che ha colpito il Mozambico centrale e settentrionale nei mesi di marzo e aprile di quest'anno. Le due tempeste hanno provocato inondazioni diffuse, la distruzione di quasi 780.000 ettari (7.800 kmq) di colture agricole e lo sfollamento di decine di migliaia di famiglie.
Il numero di bambini al di sotto dei cinque anni che affrontano livelli critici di insicurezza alimentare dovrebbe salire a 200.000 nelle zone colpite dalla tempesta entro febbraio 2020. Nello stesso periodo circa 38.000 bambini potrebbero diventare gravemente malnutriti e a rischio di morte.
"La devastazione agricola causata dai due cicloni ha peggiorato ulteriormente quelli che erano già alti livelli di malnutrizione infantile", ha detto Marcoluigi Corsi, rappresentante dell'UNICEF in Mozambico. Molti bambini nelle zone colpite dal disastro non hanno accesso a cibo nutriente di cui hanno bisogno per il loro sano sviluppo". A distanza di sei mesi, la prospettiva di ulteriori sofferenze è molto reale, mentre ci avviciniamo alla stagione secca. Sono urgentemente necessarie maggiori risorse per sostenere gli sforzi umanitari in corso".
Prima dei cicloni, il 43% dei bambini del Mozambico era cronicamente malnutrito o con ritardi nella crescita. Essendo uno dei paesi più poveri del mondo, la povertà multidimensionale significa che molti bambini devono affrontare condizioni che arrestano il normale sviluppo fisico e cognitivo.
La malnutrizione espone i bambini anche al rischio di contrarre malattie opportunistiche. Per la prima volta in anni, il Mozambico ha segnalato casi di Pellagra - una malattia legata alla carenza di vitamina B3. Sono già stati segnalati più di 600 casi. Si prevede anche il consueto aumento stagionale dei casi di malaria e diarrea. Molti bambini malnutriti saranno resi più vulnerabili a causa dello scarso accesso ai servizi sanitari causato dal deterioramento delle strade nelle zone rurali durante la prossima stagione delle piogge.
Recenti missioni di monitoraggio sottolineano che il tasso di matrimoni precoci sta aumentando. I partner dell'UNICEF hanno riscontrato casi in cui l'età delle ragazze sposate è scesa al di sotto della media pre-emergenza di 13-14 anni.
L'UNICEF e i suoi partner stanno lavorando per raggiungere i bambini e le famiglie ancora in difficoltà a causa dei cicloni. Questi sforzi includono: lo screening di più di 735.000 bambini al di sotto dei cinque anni per la malnutrizione acuta, con oltre 400.000 bambini al di sotto dei cinque anni, da sottoporre a screening entro febbraio 2020; curare quasi 10.000 bambini malnutriti con integratori alimentari terapeutici; attuazione di un programma congiunto di voucher, che assisterà almeno 100.000 persone colpite dal ciclone, oltre a borse di studio per 10.000 famiglie per alleviare l'immediata insicurezza alimentare; e il sostegno a innovative team mobili del Ministero della Salute mozambicano che raggiungono le comunità remote con servizi integrati di salute e nutrizione.
"L'impatto di due cicloni che hanno colpito il Mozambico in una sola stagione è stato devastante e senza precedenti, ma è solo ora che gli effetti residui del disastro cominciano davvero a farsi sentire", ha detto James McQuen-Patterson, responsabile per Salute e Nutrizione dell’UNICEF Mozambico. "Raggiungere i bambini malnutriti che ne hanno più bisogno è complesso. Avremo successo solo con una risposta coordinata tra i partner per garantire che le famiglie colpite dal ciclone non cadano in ulteriori difficoltà", ha detto.
Per attuare i suoi programmi per donne e bambini, l'UNICEF Mozambico chiede 102,6 milioni di dollari fino a maggio 2020. Finora ha ricevuto solo 34,1 milioni di dollari, con un deficit di finanziamento di 68,5 milioni di dollari, pari al 67%. (aise)


Newsletter
Archivi