CONFEURO: NECESSARIO CONFRONTO INCLUSIVO PER RILANCIO DEL SETTORE AGROALIMENTARE

CONFEURO: NECESSARIO CONFRONTO INCLUSIVO PER RILANCIO DEL SETTORE AGROALIMENTARE

ROMA\ aise\ - “Solo un dibattito inclusivo e un confronto continuo può rilanciare l’agricoltura e favorire il superamento della crisi economica”. A dichiararlo è stato Andrea Michele Tiso, presidente di Confeuro in una nota stampa diramata oggi, 4 settembre, in cui ha detto di guardare con favore “alla proposta di un forum permanente che coinvolga gli operatori della filiera agroalimentare, dalle aziende agricole fino a quelle che si occupano di logistica e commercio. Per avere successo, una simile iniziativa deve però includere tutte le realtà attive nel settore agroalimentare. Senza una rappresentanza capillare e un accesso allargato, il forum non può rispecchiare le reali esigenze del settore primario né farsi promotore di proposte davvero innovative”.
“Il settore agroalimentare italiano è molto variegato. Accanto ai grandi operatori, ci sono migliaia di piccole e medie aziende che hanno bisogno di strumenti e misure ad hoc per restare sul mercato – continua Tiso -. Sono queste ultime a costituire il vero tessuto produttivo della nostra agricoltura e a custodire il potenziale per cambiare le regole del gioco, dando il via a una rivoluzione verde. Per questo è importante che la loro voce sia ascoltata”.
“Se il Green New Deal riscuote un consenso unanime, sulle modalità della sua realizzazione non mancano le divergenze - sottolinea in conclusione il presidente di Confeuro -. Crediamo che l’innovazione debba giocare un ruolo importante, ma siamo anche convinti che un’agricoltura verde non possa ignorare i possibili pericoli e le incognite di tecnologie molto invasive, come per esempio gli Ogm. Un deciso cambiamento di rotta è necessario a livello europeo per passare da un’agricoltura intensiva a metodi di coltivazione rispettosi dell’ambiente. Se il forum permanente vedrà la luce, ci auguriamo quindi che la svolta agroecologica sia in cima alla sua agenda”. (aise)