Digitale popolare: cultura e policy per l’Italia che riparte

ROMA\ aise\ - Una realtà nuova e innovativa nel panorama italiano, un luogo che nasce anche per supportare la discussione e lo sviluppo delle policy digitali pubbliche e private, inserito nel contesto dell’Italia che riparte. Questo e molto altro è la Fondazione Italia Digitale che verrà presentata domani, martedì 28 settembre, a partire dalle ore 10 con una live sui canali social della Fondazione, Facebook e LinkedIn, con i relatori in diretta dagli UTOPIA Studios di Roma.
Ricco il programma che vedrà Francesco Di Costanzo, Presidente della Fondazione Italia Digitale e di PA Social, aprire i lavori seguito da una serie di interventi: Vittorio Colao, Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Patrizio Bianchi, Ministro dell’Istruzione, Francesco Giorgino, direttore Master Luiss in Comunicazione e Marketing Politico ed Istituzionale, Assuntela Messina, sottosegretaria per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Enzo Amendola, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli affari europei e Anna Ascani, sottosegretaria Ministero dello Sviluppo Economico.
A seguire ci sarà la presentazione della ricerca a cura della Fondazione Italia Digitale sui temi della digitalizzazione e dell’interazione tra PA e cittadini da parte di Livio Gigliuto, cda Fondazione Italia Digitale, direttore Osservatorio nazionale sulla comunicazione digitale e vice presidente Istituto Piepoli. Nel talk a seguire interverranno: Sara Roversi, presidente Future Food Institute e presidente Comitato Scientifico Fondazione Italia Digitale, Giorgio Ventre, docente Università Federico II, direttore Developer Academy Apple Napoli e coordinatore Comitato Scientifico Fondazione Italia Digitale, Carlo Albini, responsabile Innovability People and Organization Gruppo Enel, Eleonora Faina, direttore generale Anitec-Assinform, Giuseppe Colangelo, Jean Monnet Professor of EU Innovation Policy e Professore associato di Diritto dell’economia all’Università della Basilicata. (aise)