Unioncamere con Google.org: la pandemia non ferma “Eccellenze in digitale”

ROMA\ aise\ - Oltre 43mila tra imprenditori e loro collaboratori formati gratuitamente; mille seminari su tutto il territorio nazionale, organizzati dagli oltre 250 digitalizzatori dei Punti impresa digitale appositamente preparati a svolgere questo ruolo con 60 ore di formazione suddivise in 15 moduli.
Sono i numeri dell’edizione 2020-2022 di Eccellenze in digitale, il progetto di Unioncamere finanziato da Google.org che si pone l’obiettivo di aiutare le imprese italiane a far crescere le competenze digitali dei propri lavoratori.
L’iniziativa, avviata già nel 2014, è parte integrante della intensa attività che Unioncamere e le Camere di commercio stanno conducendo per la formazione digitale delle imprese e dei lavoratori, insieme e in coordinamento con le attività dei Punti impresa digitale (Pid), diffusi in tutti le Camere di commercio e parte del network istituzionale di Industria 4.0, e, per quanto attiene ai giovani, al progetto Crescere in digitale, finanziato con le risorse gestite da ANPAL e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali all’interno del PON IOG - Garanzia Giovani.
L’ultima edizione di Eccellenze in digitale ha beneficiato di un finanziamento di 1 milione di euro di Google.org ed è stata curata dai Punti impresa digitale delle Camere di commercio, che sono riusciti ad adattare l’offerta formativa – anche nei mesi più difficili della pandemia – alle dinamiche e alle peculiarità territoriali.
“I numeri dell’edizione 2020-2022 di Eccellenze in digitale confermano la bontà di questa iniziativa, che ha il pregio di unire alle competenze di Google sul fronte del digitale, la capacità organizzativa e formativa del sistema camerale e la sua capillare presenza sui territori”, sottolinea il segretario generale di Unioncamere, Giuseppe Tripoli. “È un connubio vincente che va avanti ormai da 8 anni e che proseguirà con la nuova programmazione che stiamo mettendo a punto in queste settimane”.
“Siamo entusiasti dei risultati ottenuti da Eccellenze in digitale nell’ultimo biennio”, afferma Gianna Francescutti, Program Manager di Google.org. “Il progetto ha raggiunto l’obiettivo congiunto di Google e Unioncamere di accompagnare gli imprenditori e lavoratori delle piccole e medie imprese italiane nella loro ripresa economica e sostenere parte della trasformazione digitale di cui necessita il Paese”.
Tutte le Camere hanno partecipato proficuamente al progetto ottenendo ottimi risultati in termini di utenti coinvolti e gradimento.
Alcuni enti – riporta Unioncamere – hanno anche innovato la formula progettuale. Gli eventi organizzati e i materiali prodotti (webinar, tutorial) nell’ambito di “Eccellenze in Digitale” resteranno disponibili online e potranno poi contribuire ad alimentare la PID-Academy, il nuovo servizio dei PID in via di definizione, volto a sostenere la transizione in chiave 4.0 delle aziende italiane, attraverso la riqualificazione e lo sviluppo del capitale umano delle PMI.
Pid che in questi mesi hanno proseguito la propria attività di avvicinamento al digitale delle Pmi, che ha portato a contattare circa 500mila aziende in 4 anni. Di queste, oltre 280mila hanno partecipato a percorsi info-formativi, oltre 50mila hanno effettuato l’assessment della propria maturità digitale, circa 7.000 hanno partecipato ad azioni di orientamento e mentoring.
CRESCERE IN DIGITALE: QUASI 150MILA NEET ISCRITTI
Continua l’impegno di Unioncamere e delle Camere di commercio anche su Crescere in digitale, il progetto in partnership con Google il cui obiettivo è promuovere, attraverso l’acquisizione di digital skills, l’occupabilità dei giovani NEET, investendo sulle loro competenze per accompagnare le imprese nel mondo di Internet.
Tre le fasi di attività: un corso gratuito di oltre 50 ore, offerto da Google per ampliare e migliorare le competenze digitali; una formazione specialistica di gruppo e individuale in presenza/a distanza per approfondire la conoscenza di tematiche riguardanti l’applicazione del digitale in azienda e conoscere le realtà imprenditoriali del territorio attraverso colloqui con le imprese; tirocini extracurriculari in azienda in ambito digitale.
“Crescere in digitale”, ritenuta una best practice a livello europeo, ha raggiunto, nella prima edizione, un livello di occupazione del 53%, attualmente attestato al 44,7%.
Ad oggi, “Crescere in digitale” vanta quasi 150mila NEET iscritti (di cui 36mila nell'edizione in corso), oltre 17mila dei quali hanno superato il test online (di cui 6.300 nell'edizione in corso); più di 12mila aziende che offrono tirocini (di cui 3.800 nell'edizione in corso); 235 laboratori territoriali organizzati (105 nell'edizione in corso) con 7.877 giovani NEET presenti (di cui 2.550 nell'edizione in corso); quasi 4.800 tirocini (di cui 1.590 nella seconda edizione) attivati sul territorio nazionale.
Tutte le iniziative rientrano nelle attività di Repubblica Digitale, l’iniziativa strategica nazionale che ha l’obiettivo di combattere il divario digitale culturale presente nella popolazione italiana, sostenere la massima inclusione digitale e favorire l’educazione sulle tecnologie del futuro. (aise)