COMITES/ CARÈ (PD) A PERTH: DALL’ITALIA COLPO MORTALE ALLA LORO OPERATIVITÀ

COMITES/ CARÈ (PD) A PERTH: DALL’ITALIA COLPO MORTALE ALLA LORO OPERATIVITÀ

ROMA\ aise\ - "La riduzione del 40% delle risorse destinate ai Comites, prevista dalla Legge di Bilancio, è un duro colpo al sostegno delle attività culturali d'oltreconfine. E se a questo aggiungiamo anche il previsto taglio del numero dei parlamentari previsti per la circoscrizione estero, il colpo diventerebbe mortale". Così Nicola Carè, deputato del Pd eletto in Africa, Asia e Oceania, che il 23 marzo scorso ha partecipato all'incontro del Comitato dei Presidenti Comites d’Australia, svolto a Perth. "Scelte molto gravi - ha aggiunto Carè – che avranno ripercussioni notevoli sulla nostra rappresentanza di parlamentari eletti all'estero".
Nel corso dell'incontro, Carè ha sostenuto che "le decisioni del parlamento italiano incideranno molto negativamente sulla operatività stessa dei singoli Comites e danneggeranno in modo irreparabile la loro natura, privandola delle loro stesse funzionalità e limitandola alle attività di ordinaria amministrazione". Il parlamentare Pd ha sottolineato che "i Comites hanno un ruolo essenziale nello sviluppo culturale della comunità italiana e rappresentano un punto di riferimento certo anche per le nostre Autorità consolari e per le Associazioni. Consentono la partecipazione dei giovani, offrono opportunità, contribuiscono alla formazione professionale, curano gli ambiti ricreativi”.
I Comites, ha aggiunto Carè, “non solo cooperano attivamente con le istituzioni ma tutelano diritti ed interessi dei nostri italiani all'estero: sono il collante della cittadinanza italiana, avanguardia nella promozione e nella protezione del Made in Italy. Colpendo i Comites si danneggiano le nostre comunità nazionali”, ha concluso il deputato. “Spero che il governo e il parlamento ci ripensino". (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi