GARAVINI (PD): RADIO RADICALE PATRIMONIO STORICO DELL'INFORMAZIONE

GARAVINI (PD): RADIO RADICALE PATRIMONIO STORICO DELL

ROMA\ aise\ - "Non avendo più argomenti per giustificare la decisione di chiudere Radio Radicale, l'attuale maggioranza tenta maldestramente di alludere a una presunta malagestione della convenzione con lo Stato da parte dell'emittente". È quanto dichiara Laura Garavini, senatrice PD eletta in Europa e vicepresidente Commissione Difesa, per la quale "le affermazioni del sottosegretario con delega all'Editoria Crimi, questa mattina in commissione Vigilanza, sono un goffo tentativo di cavarsi da un'impasse imbarazzante. E rivelano un atteggiamento ostile a un diritto fondamentale per qualsiasi democrazia: quello a informare ed essere informati, tutelato dall'articolo 21 della Costituzione".
"Con le sue dirette dalle Camere e con la copertura assicurata a ogni evento di interesse pubblico e di qualsiasi colore politico", sottolinea Garavini, "Radio Radicale garantisce proprio quella trasparenza della quale i pentastellati si dicevano grandi sostenitori".
E dei rappresentanti del governo, Laura Garavini infine dice: "Dovevano aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno. Lo stanno rendendo un palazzo impenetrabile agli occhi e alle orecchie esterne". (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi