IL VOTO DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO ALLE EUROPEE 2019: I DATI DEL VIMINALE NELLA RISPOSTA ALL’ON. SIRAGUSA (M5S)

IL VOTO DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO ALLE EUROPEE 2019: I DATI DEL VIMINALE NELLA RISPOSTA ALL’ON. SIRAGUSA (M5S)

ROMA\ aise\ - Nell’ottobre scorso, Elisa Siragusa, deputata 5 Stelle eletta in Europa, aveva interrogato il Ministero dell’Interno per avere i dati sul voto degli italiani all’estero alle ultime elezioni europee. Non il dato generale, ovviamente – noto subito dopo il voto - ma quello sui connazionali che hanno scelto di rientrare in Italia e quello sugli italiani residenti in Europa che hanno votato per i candidati locali.
Alle elezioni europee – svolte tra il 23 e il 26 maggio 2019 – hanno votato 127.926 italiani (su 1.673.837 aventi diritto al voto) con una partecipazione pari al 7,7%.
I cittadini italiani residenti nei Paesi dell'Unione europea, come noto, avevano la possibilità di scegliere se votare per i candidati del Paese di residenza oppure quelli italiani recandosi ai seggi nei consolati.
Nella risposta affidata al sottosegretario Achille Variati, il Viminale riporta che, sulla base delle comunicazioni trasmesse dai comuni, gli italiani ritornati in Italia per votare sono stati 83.
I connazionali residenti in altro Stato dell'Unione europea, che hanno scelto di votare per i candidati al Parlamento europeo dello stesso Stato in cui risiedono, sono stati 118.834.
Infine, Variati precisa che il dato pubblicato nel portale internet del Ministero dell'interno, 127.926, si riferisce al numero complessivo degli elettori italiani residenti negli Stati dell'Unione europea, compresi quelli temporaneamente residenti, che hanno votato per i candidati italiani a parlamentare europeo nei seggi appositamente istituiti dai consolati. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi