Dottorato Honoris causa in Diritto romano al Presidente della Repubblica Tunisina Saïed

ROMA\ aise\ - Si è svolta ieri, 16 giugno, presso l’Aula magna del Rettorato, la consegna del Dottorato honoris causa in Diritto romano, teoria degli ordinamenti e diritto privato del mercato per “il decisivo contributo, scientifico ed istituzionale, offerto alla causa del dialogo tra ordinamenti giuridici diversi, di cui il Diritto romano è matrice storica essenziale, fondato sul rispetto reciproco e la valorizzazione dei diritti umani”, a Kaïs Saïed, Presidente della Repubblica Tunisina.
La cerimonia è stata aperta dalla prolusione della rettrice Antonella Polimeni, seguita dall’allocuzione del preside della Facoltà di Giurisprudenza Oliviero Diliberto. L’elogio è stato affidato a Luisa Avitabile, direttore del dipartimento di Scienze giuridiche.
Il Presidente della Repubblica Tunisina Kaïs Saïed, che si è dichiarato "molto onorato di essere in questa prestigiosa università e di ricevere un riconoscimento dalla Facoltà di Giurisprudenza", ha tenuto la lecio magistralis dal titolo "Il diritto e l'Islam".
La rettrice Antonella Polimeni ha voluto sottolineare come "il Presidente Saïed, per la sua competenza di costituzionalista, abbia contributo alla definizione della Costituzione tunisina del 2014, Carta che ha riconosciuto una pluralità di diritti a tutela della dignità della persona".
“Oggi (ieri, ndr), conferendo al Presidente Saïed il Dottorato honoris causa in Diritto romano - ha dichiarato il Preside della Facoltà di Giurisprudenza Oliviero Diliberto - in qualche modo ricolleghiamo l’amicizia tra i nostri due Paesi proprio all’antichità classica: e io, da Preside della Facoltà e da docente di Diritto romano, ne sono particolarmente onorato. Un simbolo dunque, questa cerimonia odierna, di fratellanza tra due civiltà illustri, antichissime, che prosegue e si rinnova nel tempo, sino ai giorni nostri.”
Kaïs Saïed, settimo presidente della Repubblica Tunisina dalla proclamazione della repubblica in Tunisia (25 luglio 1957), è nato a Tunisi il 22 febbraio 1958. Ha conseguito un diploma di studi approfonditi in Diritto internazionale pubblico presso la Facoltà di Giurisprudenza e Scienze Politiche di Tunisi. Ha iniziato la sua carriera professionale presso la Facoltà di Giurisprudenza e Scienze Economiche e Politiche di Sousse, come Direttore del Dipartimento di Diritto dal 1994 al 1999; si è trasferito a Tunisi nel 1999 per insegnare alla Facoltà di Scienze Giuridiche, Politiche e Sociali.
Dal 1989 al 1990, Kaïs Saïed è stato relatore dei due comitati speciali presso il Segretariato Generale della Lega degli Stati Arabi, al fine di preparare l’aggiornamento del progetto della Carta della Lega, nonché il progetto dello statuto della Corte di Giustizia Araba.
Ha presieduto il Centro di Tunisi per il Diritto costituzionale per la Democrazia, fondato nel 2011, al fine di contribuire al rinnovamento del pensiero costituzionale e tenere il passo con i cambiamenti avvenuti in Tunisia e in diversi paesi nel mondo.
Ha contribuito alla definizione delle caratteristiche del primo periodo di transizione, in particolare con la stesura della legge sull’organizzazione provvisoria dei poteri costituzionali pubblici nonché la stesura della costituzione del 2014.
È autore di numerose opere scientifiche nel campo del diritto e del diritto costituzionale.
Ha partecipato alle elezioni presidenziali come candidato indipendente, vincendo al secondo turno, con la maggioranza assoluta dei voti e entrando in carica il 23 ottobre 2019. (aise)