G20: meeting conclusivo del Gruppo di lavoro Salute

ROMA\ aise\ - Ha avuto luogo presso la Sala monumentale di Palazzo Chigi nelle giornate del 17 e 18 giugno scorsi, il Third HWG (Health Working Group Meeting) del G20 a Presidenza italiana, che conclude il ciclo di incontri di consultazione con la membership e gli stakeholders volto a raccogliere indicazioni in vista della predisposizione della Dichiarazione finale della Ministeriale del 5-6 settembre a Roma. Nel corso dell’incontro è stato annunciato ai delegati che la riunione di settembre avrà luogo in presenza.
Alla due giorni di meeting hanno partecipato, collegati in videoconferenza, i delegati di tutti i membri del G20, oltre a i rappresentanti di alcuni Paesi ospiti e delle Agenzie delle Nazioni Unite che si occupano della materia e di Istituzioni internazionali invitate in questa occasione.
A porgere il benvenuto e a coordinare i lavori del meeting è stato Davide La Cecilia, Consigliere Diplomatico del Ministro della salute e Sherpa G20 Salute.
La Presidenza ha proposto in questa occasione, come tema di confronto sulle emergenze sanitarie: “l’accesso equo e solidale agli strumenti di controllo – diagnostici, terapeutici e vaccini – capitalizzando l’esperienza maturata con la pandemia da COVID-19 e prepararsi a gestire eventuali emergenze sanitarie future”.
Il tema, affrontato nella prima giornata, è stato introdotto dal Direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), Nicola Magrini.
Successivamente A. Buzyn (WHO), L. N. Balaji (UNICEF) e M. Pearson, di OECD, hanno illustrato la “Concept Note”, predisposta con lo staff ministeriale, per definire il contesto dei lavori e permettere ai delegati dei Paesi del G20, di quelli ospiti e delle Organizzazioni internazionali un dialogo aperto sulla base dei quesiti proposti.
A seguire i Direttori di Unitaid P. Duneton e di Medicines Patent Pool C. Gore hanno presentato le attività di competenza maturate negli anni nel facilitare l’accesso equo a farmaci e vaccini nei paesi a basso reddito, per la gestione di malattie quali AIDS, Ebola, Malaria, e da ultimo il coinvolgimento con altre agenzie per la risposta al COVID-19 nell’ambito dell’iniziative ACT-Accelerator e COVAX. W.Brock ha presentato le attività di FIND – the global alliance for diagnostics – in merito alla disponibilità dei dispositivi diagnostici, fondamentali per l’individuazione precoce delle malattie.
In un’ottica di Universal Health Coverage, Pauline Mwinzi di ESPEN OMS Africa ha presentato le attività messe in campo per la prevenzione e il controllo delle Neglected Tropical Diseases ed E. Capobianco della Federazione Internazionale della Croce Rossa ha evidenziato il ruolo fondamentale delle comunità locali, sede di inizio e conclusione delle emergenze sanitarie.
Nella seconda giornata, Walter Ricciardi, dell’Università Cattolica Sacro Cuore di Roma, ha coordinato una sessione di consultazione nella quale è stata data voce ai delegati dei gruppi di interesse, che hanno presentato le loro posizioni e proposte rispetto ai temi in discussione. Si sono succeduti, nella consultazione, rappresentanti degli Engagement Groups, ONG e attori non governativi.
La Presidenza ha avuto modo di presentare l’evento che si terrà il prossimo 3 settembre, a margine della riunione ministeriale salute, dedicato alla “Salute mentale alla luce del COVID-19”, tema di straordinaria attualità e che rappresenta una priorità per il Ministero della salute.
È stata anche l’occasione per Sir Jeremy Farrar, rappresentante dell’HLIP (High Level Indipendent Panel) istituito – a Gennaio 2021 - nell’ambito del percorso G20 Finanze, per informare i delegati salute G20 delle raccomandazioni sul finanziamento dei beni comuni globali per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie.
La Presidenza ha, inoltre, presentato ai delegati dell’HWG i contenuti e i principi guida dei documenti di outcome, predisposti sulla base dei temi proposti e dei risultati del confronto avuto nelle riunioni precedenti, che accompagneranno la stesura della Dichiarazione finale dei Ministri della salute, in occasione della loro riunione nei giorni 5 e 6 settembre. (aise)