Italia – Bulgaria: colloquio tra i Ministri Guerini e Karakachanov

ROMA\ aise\ - “Tra Italia e Bulgaria esiste da tempo una cooperazione bilaterale estremamente efficace che intendiamo intensificare, confermando la volontà di proseguire il percorso virtuoso di collaborazione operativa ed industriale tra le nostre Forze Armate”. Così il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini nel corso dell'incontro - svolto in videoconferenza - con il Vice Primo Ministro per l'ordine pubblico e la sicurezza e Ministro della Difesa bulgaro Krasimir Karakachanov.
“La piena convergenza di vedute tra i nostri Paesi in ambito NATO, in complementarità al crescente impegno in quello della UE, sono un elemento di concretezza della nostra partnership” ha detto Guerini che, nell'occasione, ha rivolto il suo ringraziamento al collega della Bulgaria per il sostegno fornito al nostro Paese nell’ambito delle attività connesse allo Strategic Compass europeo, attraverso la co-firma del contributo di pensiero redatto dall’Italia in tema di partenariati.
“Ritengo che il contributo apportato in questo ambito dai Paesi Membri possa concretamente agevolare il conseguimento del livello di ambizione nel campo della sicurezza e difesa, in aderenza alle tre priorità strategiche derivanti dalla EU Global Strategy” ha aggiunto.
Durante il “lungo e cordiale” colloquio, riporta la Difesa, i due Ministri si sono concentrati su alcuni temi di comune interesse, tra i quali la cooperazione bilaterale e industriale, in merito alla quale Guerini ha espresso l’auspicio che Italia e Bulgaria possano cooperare maggiormente, sviluppando ulteriori sinergie, garantendo il pieno sostegno della Difesa italiana per l’ulteriore sviluppo delle capacità delle Forze Armate della Bulgaria.
Altro tema al centro del colloquio, l'avvio di una cooperazione nel settore subacqueo che garantirebbe altresì ai due Paesi l’opportunità di cooperazione operativa e addestrativa delle rispettive Marine nel Mar Nero e nel Mediterraneo anche in relazione all’importanza della Bulgaria, quale membro della NATO, per la sicurezza del fianco est dell’Alleanza.
I due ministri si sono poi soffermati sull’importanza strategica dei Balcani e del ruolo dei due Paesi nella regione.
“L’Italia, come ho avuto modo di affermare presso la NATO - ha proseguito Guerini – intende proseguire con continuità il proprio impegno nei Balcani occidentali, dove deteniamo il comando dell’Operazione Kfor”. C’è grande attenzione verso la sicurezza di quest’area e ritengo che la Bulgaria, Paese con cui l’Italia ha una cooperazione di rilievo, abbia un ruolo importante.
Non è mancata, infine, una riflessione sugli effetti della Pandemia da COVID-19; Guerini e Karakachanov hanno auspicato il pieno successo della campagna di vaccinazione in corso di svolgimento nei paesi europei e il ritorno a condizioni di normalità.
Durante il colloquio il Ministro bulgaro ha poi voluto esprimere le proprie condoglianze per la morte dell’Ambasciatore Luca Attanasio e del Carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi lunedì a Goma nella Repubblica Democratica del Congo. (aise)