MISSIONE IN IRAQ: IL GIS ADDESTRA LA POLIZIA CURDA ED IRACHENA

MISSIONE IN IRAQ: IL GIS ADDESTRA LA POLIZIA CURDA ED IRACHENA

BAGHDAD\ aise\ - Salvataggio di ostaggi, irruzioni in ambienti abitati, intervento in presenza di soggetti barricati ed armati e perquisizioni di ambienti ostili. Queste sono alcune delle situazioni ad alto rischio operativo previste per il 15° corso “Police High Risk Operations”, pianificato e condotto dalla Police Task Force - Iraq, unità multinazionale guidato dall’Arma dei Carabinieri con il supporto di istruttori del GIS (Gruppo, d’Intervento Speciale), iniziato i primi di settembre a Baghdad e indirizzato a 25 poliziotti del reparto d’élite della Polizia irachena. L’obiettivo principale del corso, che si inserisce nell’operazione “Inherent Resolve”, è addestrare le forze di polizia irachene e curde per incrementare la loro efficacia nel contrasto delle cellule del Daesh, lo Stato Islamico.
Si tratta di un corso di tipo specialistico-intensivo condotto con il supporto di istruttori provenienti dal GIS, reparto speciale dell’Arma dei Carabinieri, appositamente giunti in Iraq.
Il corso si struttura in diverse fasi: i frequentatori, dopo aver superato una selezione, affronteranno un impegno addestrativo teorico e pratico della durata di quattro settimane, durante le quali verranno simulati e gestiti scenari ad alto rischio che gli consentiranno l’acquisizione delle idonee capacità professionali.
I corsi gestiti dalla Police Task Force – Iraq, mireranno invece a trasmettere nozioni di tecniche di polizia, gestione dell’ordine pubblico, protezione dei beni culturali, minaccia derivante dagli ordigni esplosivi, primo soccorso, polizia di prossimità, controllo del territorio e controllo e manutenzione del proprio equipaggiamento e armamento.
Dal giugno del 2015 ad oggi, sono oltre 33.300 gli appartenenti alle Forze di polizia irachene e della regione autonoma del Kurdistan addestrati dalla Police Task Force mediante corsi basici, avanzati, specialistici e di tipo T3 (Train The Trainer).
La Police Task Force, è oggi composta da 136 Carabinieri impiegati a Baghdad, Al-Taqaddum ed Erbil, da 4 militari dell’Esercito Italiano, che seguono i corsi in materia di lotta agli ordigni esplosivi improvvisati, e altri 3 militari appartenenti all’Esercito e all’Aeronautica Militare, deputati alla gestione del traffico aereo nazionale su Baghdad. Ai militari della Difesa italiana si affiancano quotidianamente 30 colleghi provenienti dalle forze di polizia civili e militari di Canada, Finlandia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Spagna. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi