NATO: È ITALIANO IL NUOVO DEPUTY COMMANDER AL SACT

NATO: È ITALIANO IL NUOVO DEPUTY COMMANDER AL SACT

ROMA\ aise\ - Il 19 luglio scorso, nella sede del Comando Strategico della NATO, Allied Command for Transformation (ACT) in Norfolk (Virginia - USA), il Generale di Corpo d’Armata dell’Esercito Paolo Ruggiero è subentrato all’Ammiraglio Manfred Nielson (GER) nell’incarico di Deputy Supreme Allied Commander Transformation (DSACT).
Alla solenne cerimonia di avvicendamento, presieduta dal Supreme Allied Commander Transformation, Generale Andre’ Lanata (FRA-AF), hanno preso parte numerose autorità civili e militari nazionali, della NATO e statunitensi, tra le quali, in particolare, l’onorevole Elaine Luria, rappresentante della Virginia presso il Congresso, il sindaco di Norfolk, l’Onorevole Kenneth Alexander, il Vice Comandante della US Fleet Force, Vice Admiral Bruce Lindsey, il Comandante della seconda Flotta statunitense e comandante del Joint Forces Command Norfolk, Vice Admiral Andrew Lewis e l'addetto per la Difesa italiano negli Stati Uniti, Generale di Divisione Aerea Stefano Cont.
Il Generale Ruggiero è in possesso di una vasta esperienza in ambito nazionale e internazionale. Ha operato infatti per molti anni presso gli Stati Maggiori dell’Esercito e della Difesa, ha inoltre comandato la 132^ Brigata Corazzata “Ariete”, che ha guidato anche nella missione ONU in Libano, il Comando Artiglieria ed è stato Capo di Stato Maggiore del Comando Logistico dell’Esercito. In ambito NATO ha ricoperto, nel 2015, gli incarichi di Chief of Staff e Deputy Commander for Transition della missione Resolute Support in Afghanistan. Infine, dal 2016 al 2019, è stato Deputy Commander del Allied Land Command (LANDCOM) in Izmir (Turchia)
Nel suo intervento il Generale Lanata ha dato il caloroso benvenuto al Generale Ruggero, sottolineandone il suo ricco bagaglio professionale. Ruggiero, salutando le autorità, ha evidenziato l’importanza del SACT quale vero motore propulsore per la continua trasformazione delle forze militari dell’Alleanza, attraverso lo sviluppo delle future capacità operative e delle relative dottrine di impiego, proprio in un panorama di sicurezza globale sempre più complesso ed in rapida evoluzione.
Il prestigioso incarico presso il SACT attribuito al Generale Ruggiero, sottolinea la Difesa, è la dimostrazione del ruolo di primo piano svolto dall’Italia nell’ambito dell’Alleanza, attraverso il contributo dei suoi militari impiegati presso le sue strutture di comando e nei diversificati scenari operativi. In particolare, presso il Comando Strategico di Norfolk, operano oggi oltre 40 militari italiani di tutte le Forze Armate.
Con l’incarico assunto venerdì, il Generale Paolo Ruggiero diviene la massima carica militare italiana nella struttura di comando della NATO, nonché la massima autorità militare nazionale negli USA. (aise) 

Newsletter
Archivi