UNIted: una voce per le donne afgane

ROMA\ aise\ - L’Universities Network for Children in Armed Conflict (UNETCHAC) in collaborazione con l’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” e il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma organizza il concerto “UNIted. A Voice for Afghan Women and Girls”, un evento di sensibilizzazione e riflessione sul dramma che attualmente affligge l’Afghanistan e, in particolare, le donne e le ragazze afghane. Il concerto, in programma giovedì 2 dicembre alle ore 19.00 presso la Sala Accademica del Conservatorio “Santa Cecilia” a Roma, è promosso con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano.
Diversi artisti italiani si uniscono nella storica location del Conservatorio per infondere speranza: nell’unanime difesa dei diritti umani, la loro voce è un appello corale per la pace.
Saliranno sul palco anche alcuni degli studenti afghani che hanno seguito l’International Autumn School 2021, primo corso di formazione e approfondimento dedicato alla protezione dei bambini in conflitto armato, promossa dall’Universities Network for Children in Armed Conflict e dall’Istituto di Studi Politici San Pio V con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
Tale concerto vuole essere la prima azione che l’Universities Network intende promuovere per il sostegno delle donne afghane che, costrette a lasciare il loro Paese, si trovano ora nella condizione di “costruire” una nuova dimensione privata e professionale all’interno di realtà sociali diverse rispetto alla loro comunità di origine.
A presentare la serata sarà Clara Iatosti – Giornalista TV2000. I musicisti, invece, saranno Ambrogio Sparagna, Grazia Di Michele, Sergio Iovino, CPM Music Institute, Sirat Aziz Ullah, The Shalalalas, Eugenio Bennato, Pietra Montecorvino, Dipartimento Jazz del Conservatorio “Santa Cecilia”. Gli attori, infine, saranno Monica Guerritore, Edoardo Coen e Lino Guanciale (tbc). (aise)