"IL BENE MIO": IL FILM DI PIPPO MEZZAPESA ALL’IIC DI BRUXELLES

"IL BENE MIO": IL FILM DI PIPPO MEZZAPESA ALL’IIC DI BRUXELLES

BRUXELLES\ aise\ - Nuovo appuntamento con il cinema italiano all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles dove domani, 8 aprile, alle 19.00 verrà proiettato “Il bene mio” di Pippo Mezzapesa. Nel cast Sergio Rubini, Sonya Mellah, Dino Abbrescia, Francesco De Vito e Michele Sinisi.
Elia è l'ultimo abitante di Provvidenza, un paese fantasma nella campagna pugliese i cui abitanti, dopo un devastante terremoto, si sono trasferiti al paese nuovo. Ma Elia non molla: "Questa è casa mia", ripete ostinatamente, e si strugge nel ricordo della moglie Maria, la maestrina di Provvidenza deceduta a causa del terremoto. I suoi unici contatti umani sono con il migliore amico Gesualdo, che gestisce un'agenzia di viaggi, e con Rita, ex collega di Maria, che porta ad Elia viveri e notizie. Il sindaco di Provvidenza Nuova, che è anche suo cognato, è il più deciso ad allontanare Elia dal paese vecchio, al punto da richiedere l'intervento della forza pubblica e far edificare un muro intorno all'abitato, con tanto di filo spinato. Ma proprio quando Elia sta per essere circondato, all'interno di Provvidenza Vecchia comincia ad avvertire una presenza: sarà il fantasma di Maria, venuto a riprendersi il suo cocciuto marito?
Nell'Italia dei terremoti, “Il bene mio” è medicina preziosa per chi ha dovuto lasciare i propri luoghi e rifugiarsi "in terra sconsacrata", perché sottolinea il valore del recupero invece che della rottamazione, e mostra bene come l'identità delle persone abbia molto a che fare con il posto fisico in cui sono nate e cresciute, anche se è un paesino in cui "non succede mai niente". Elia sa qual è la cosa giusta da fare, anche se la sua ragione d'essere risulterà completamente chiara solo alla fine della storia. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi