LA KRYPTONITE NELLA BORSA: IL FILM DI COTRONEO A A JUJUY CON L’IIC DI CORDOBA

LA KRYPTONITE NELLA BORSA: IL FILM DI COTRONEO A A JUJUY CON L’IIC DI CORDOBA

CORDOBA\ aise\ - Nell’ambito di “In-Genio italiano nel cinema”, iniziativa promossa in Argentina in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, l’istituto Italiano di Cultura di Cordoba porta il cinema italiano a Jujuy.
In particolare, il prossimo 25 giugno, dalle 20.00 nella Sala "Raúl Martín Galán" verrà proiettato “La kryptonite nella borsa” di Ivan Cotroneo.
La proiezione è organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Jujuy.
Il film è ambientato nella Napoli del 1973: qui, Peppino Sansone, un sensibile bambino di 9 anni impacciato e occhialuto, vive in una famiglia alquanto bizzarra e sopra le righe; sua madre Rosaria è entrata in depressione e si è chiusa in un angosciante silenzio, dopo aver scoperto i tradimenti del marito commerciante. Il padre cerca di distrarre il figlio dalle vicende familiari regalandogli tre pulcini da allevare come animali da compagnia, che però faranno una brutta fine.
A distrarre Peppino ci pensano i giovani zii hippie, Salvatore e Titina, che lo coinvolgono in feste in discoteca e manifestazioni femministe. Ma il più grande amico di Peppino è suo cugino Gennaro, un tipo strano che si crede Superman. Quando il cugino muore improvvisamente investito da un autobus, Peppino, grazie alla sua fantasia, lo riporta in vita nel suo immaginario, come supereroe e maestro di vita.
Grazie ai suoi "consigli", Peppino affronta le vicissitudini quotidiane e si avvicina al complicato mondo degli adulti. Tra l'altro da alcuni dettagli si capisce che la morte di Gennaro è stata forse causata dalla sua inespressa omosessualità e sul finale del film il ragazzo insegna al bambino ad essere quello che si è, valorizzando le proprie diversità personali. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi