Musica della scienza: a Barcellona il progetto di Consolato e IIC per la Giornata della Ricerca

BARCELLONA\ aise\ - In occasione della Giornata della ricerca italiana nel mondo, il Consolato Generale d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura a Barcellona, in collaborazione con il Comune di Barcellona (Tinència d'Alcaldia de Cultura, Educació, Ciència i Comunitat), attraverso un video pubblicato sul sito e sul canale YouTube dell'IIC, hanno lanciato oggi l’iniziativa “Musica della scienza/ Music of Science”.
Tre gli obiettivi del progetto: valorizzare il talento italiano nel settore scientifico, come espressione dell’eccellenza italiana e rappresentato da grandi nomi della nostra scienza attivi nei principali centri di ricerca a Barcellona; contribuire in termini divulgativi al dibattito su temi scientifici di assoluto rilievo per il pianeta e la nostra società nell’era post-COVID; e, infine, promuovere l’innovazione creativa in campo musicale di importanti artisti italiani.
L’iniziativa si articola in quattro incontri divulgativi e aperti al pubblico su temi scientifici legati al futuro del pianeta anche nel contesto della pandemia COVID e delle sue conseguenze.
Nel corso degli incontri saranno approfonditi quattro temi: il DNA e la biomedicina, il cambiamento climatico, il cosmo ed il pianeta terra, l’Intelligenza quantistica e artificiale. Le conferenze prevedono un dialogo tra scienziati e filosofi italiani residenti nel nostro Paese e scienziati italiani residenti in Spagna, coordinati da Nanda Rea, astrofisica dell’Istituto di Scienze Spaziali (IEEC, CSIC), tra cui: Antonio Acin, fisico della teoria quantistica presso l’Istituto di Scienze Fotoniche (ICFO); Valerio Pruneri fisico specializzato in opto-elettronica presso l’Istituto di Scienze Fotoniche (ICFO); Licia Verde, astrofisica dell’Istituto di Scienze del Cosmo (IEEC, UB); Benedetta Bolognesi, biologa presso l’Istituto di Bioingegneria di Catalunya (IBEC); Michele Catanzaro, giornalista scientifico presso El Periodico; Maria Pia Cosma, biologa del Centro di Regolazione Genomica (CRG); e Grammenos Mastroieni, Vicesegretario Generale dell’Unione per il Mediterraneo.
Le prime due conferenze saranno proposte nell’ambito della Biennale della Scienza (8 - 13 giugno 2021), rispettivamente l'11 ed il 12 giugno presso l'Auditori di Barcellona insieme a due appassionanti spettacoli dei Deproducers, ensemble romano da anni impegnato nella ricerca musicale associata alla divulgazione scientifica.
I Deproducers accompagneranno due conferenze dedicate al DNA e all'astrofisica, offrendo al pubblico un’esperienza immersiva, fatta di brani musicali inediti e immagini suggestive, da vivere all’interno di una cornice scenografica costruita per l’occasione.
Date le circostanze attuali legate alla situazione COVID 19 in corso, il progetto è pensato in formato misto - presenziale e streaming – e prevede un registro visivo e sonoro del ciclo, con la produzione di un documento video che potrà essere utilizzato per la divulgazione dei contenuti, come strumento complementare per lezioni e conferenze sui temi trattati, come strumento di valorizzazione del talento scientifico italiano in Spagna (Catalogna e circoscrizione consolare di Barcellona) e della cooperazione scientifica tra l’Italia e i migliori centri di ricerca locali. (aise)