"NUOVE DIREZIONI": A WASHINGTON SI DISCUTE DELL'ARTE CONTEMPORANEA ITALIANA NEGLI USA

"NUOVE DIREZIONI": A WASHINGTON SI DISCUTE DELL

WASHINGTON\ aise\ - L'Italia è sinonimo di storia. Visitiamo Roma e Napoli e vediamo i resti di un'antica civiltà. Ma l'Italia ha anche un lato moderno, che comprende alcuni eccezionali artisti contemporanei che gli amanti dell'arte dovrebbero avere sul loro radar.
In occasione della Giornata internazionale dell'arte contemporanea italiana, promossa da AMACI - Associazione dei musei d'arte contemporanea italiana, l'Ambasciata d'Italia e l'Istituto Italiano di Cultura a Washington DC ospiteranno una conversazione sulle nuove tendenze dell'arte italiana.
"New Directions: Italian Contemporary Art negli Stati Uniti" è il titolo dell’iniziativa che si tiene oggi, giovedì 11 ottobre, dalle ore 18 alle 20 locali, e vedrà intervenire in qualità di relatori: la curatrice Ilaria Bernardi e l'artista Massimo Bartolini, insieme a Nancy Olnick e Giorgio Spanu, co-fondatori di Magazzino Italian Art, un museo nella valle dell'Hudson dedicato al dopoguerra e arte italiana contemporanea.
La conversazione si concentrerà sull'arte italiana contemporanea, sul pubblico, sulle istituzioni e sugli artisti, nonché su nuove idee complesse, in particolare nel contesto degli Stati Uniti.
La Giornata del Contemporaneo è importante per promuovere la cultura italiana contemporanea e ogni anno offre al pubblico l'opportunità di vivere il mondo complesso e vivace dell'arte contemporanea presentando artisti e nuove idee attraverso spettacoli, workshop, eventi e conferenze come parte di un programma sfaccettato attraverso la partecipazione di diversi luoghi d'arte e istituzioni.
Una selezione di fotografie di Marco Anelli, che documenta la costruzione di Magazzino Italian Art, e una serie di opere dell'artista Massimo Bartolini saranno esposte per l’occasione in Ambasciata.
Il lavoro di Bartolini abbraccia diversi materiali e tecniche, dalla scultura all'installazione alla fotografia. Le sue opere comprendono un pavimento sopraelevato, che crea l'impressione di uno spazio distorto, un'installazione che utilizza un dispositivo sul tallone delle scarpe dei visitatori per alterare la luce nello spazio espositivo e le stanze pervase di profumi e il suono rilassante dell'acqua. Queste opere d'arte, spesso sensuali, inducono lo spettatore in uno stato meditativo che è ancora altamente euristico e ci fa riflettere sul concetto di relatività, su ciò che è stabile e immutabile. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi