“RAFFAELLO: LA NASCITA DI UN MAESTRO”: IL WEBINAR DI DAVIDE GASPAROTTO ON LINE IN NORD AMERICA

“RAFFAELLO: LA NASCITA DI UN MAESTRO”: IL WEBINAR DI DAVIDE GASPAROTTO ON LINE IN NORD AMERICA

MONTREAL\ aise\ - Un nuovi appuntamento con la serie di webinar organizzatii dall'Istituto Italiano di Cultura di Montreal in collaborazione con gli altri IIC del Nord America ed in questo caso particolare con quello di Los Angeles.
Raffaello: la nascita di un Maestro” è il tema del prossimo seminario che si terrà l'8 luglio alle 18:00, ora PDT, a cura di Davide Gasparotto. L'iniziativa rientra nell'ambito delle celebrazioni per il cinquecentesimo anniversario della nascita di Raffaello.
Nel corso della sua breve ma inedita carriera, Raffaello dipinse l'immagine della Vergine e del Bambino molte volte e in diverse versioni. In questa conferenza Davide Gasparotto, senior curator e capo della sezione Dipinti presso il J. Paul Getty Museum, illustrerà come Raffaello sia stato in grado di infondere nuova vita ad un soggetto tradizionale, esplorando il processo creativo dell'artista e il suo intenso dialogo con i pittori contemporanei, dal Perugino a Leonardo da Vinci.
Per partecipare al webinar è richiesta la registrazione, tramite questo link.
Originario di Bassano del Grappa, Gasparotto ha studiato Storia dell'Arte e Archeologia Classica all'Università e alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Dal 1996 al 1998 è stato direttore della Fondazione Piero della Francesca a Sansepolcro. Successivamente, per 12 anni è stato curatore presso la Galleria Nazionale di Parma e la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Parma e Piacenza. In tale veste è stato responsabile della conservazione del patrimonio culturale nella provincia di Piacenza (Il Collegio Alberoni di Piacenza. Guida alle collezioni, 2003; Il tondo di Botticelli a Piacenza. Indagini storiche e tecniche, 2006;) e ha collaborato a diverse grandi mostre organizzate dalla Galleria Nazionale di Parma (Parmigianino, 2003; Correggio, 2008). Dal 2012 al 2014 è stato direttore della Galleria Estense di Modena, dove ha curato il restauro completo del museo e la rivisitazione della collezione dopo un grave terremoto che ha avuto luogo nel maggio 2012. Nel dicembre 2014 è stato nominato Senior Curator of Paintings al Getty Museum. È stato anche Francis A. Yates Fellow presso il Warburg Institute di Londra (1999), Paul Mellon Visiting Senior Fellow presso il Center for Advanced Study in the Visual Arts presso la National Gallery di Washington, DC (2007), e Andrew W Mellon Fellow al Metropolitan Museum of Art (2011-2012).
La sua ricerca si centra sulla pittura, la scultura e le arti decorative del Rinascimento, la riscoperta dell'antichità classica tra il Medioevo e il XVIII secolo e la storia del collezionismo. Al Getty ha curato Louis Style. French Frames 1610-1792 (2015, con Gene Karraker e Anne Woollett), The shimmer of gold: Giovanni di Paolo in Renaissance Siena (2016, con Bryan Keene e Yvonne Szafran), e più recentemente due acclamate mostre, Giovanni Bellini: Landscapes of Faith in Renaissance Venice (2017-18) e Pontormo: Miraculous Encounters (2019, con Bruce Edelstein). Ha acquisito per il museo importanti dipinti di Parmigianino, Bronzino, Orazio Gentileschi, Joseph Wright of Derby, François-André Vincent, Jean-Antoine Watteau, Quentin Metsys, Vilhelm Hammershøi e Giovanni Segantini. (aise)

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi