A LONDRA È TEMPO DI FILL 2019

A LONDRA È TEMPO DI FILL 2019

LONDRA\ aise\ - Il Festival di Letteratura Italiana a Londra / Festival of Italian Literature in London (FILL) torna con un programma eclettico e internazionale. Sabato 2 e domenica 3 novembre, autori e pensatori italiani, britannici, europei e dal resto del mondo si incontreranno a Notting Hill per discutere di letteratura, politica e cultura contemporanea, nel fine settimana "fatale" subito dopo il definitivo Brexit Day previsto per il 31 ottobre.
Fedele alla sua vocazione di osservatorio contemporaneo, FILL 2019 propone incontri e performance con prospettive originali su letteratura e politica, migrazioni, traduzione, femminismo, crisi climatica. Fra i dibattiti più inaspettati, il ritorno di un leggendario critico musicale e persino una serata all'insegna della "stregoneria".
Tra gli ospiti di punta, la giornalista Ece Temelkuran, l'ex sindaco di Riace Domenico Lucano protagonista di una serata speciale pre-festival il 1° novembre, Asif Kapadia, l'autrice Rachel Cusk, il sindacalista e autore Aboubakar Soumahoro. Il Premio Strega Edoardo Albinati arriverà direttamente da Boston, dove nello stesso fine settimana si tiene il festival letterario Idea Boston, nato a Boston su ispirazione di FILL, celebrando un legame italiano fra le due sponde dell'Atlantico.
Questa è la terza edizione del festival, dopo due edizioni di straordinario successo – entrambe sold out – che hanno messo questo festival indipendente sotto i riflettori del pubblico culturale italiano e londinese.
L'appuntamento per FILL 2019 è per il primo fine settimana di novembre negli spazi vittoriani del Coronet Theatre a Notting Hill.
Gli ospiti e i temi
A FILL 2019, un dialogo fra la filosofa italiana Donatella Di Cesare e la giornalista turca Ece Temelkuran sul declino della democrazia e il suo possibile futuro; un confronto su letteratura e classe sociale con Alberto Prunetti e Anthony Cartwright, autore del recente romanzo The Cut sulle fratture sociali nell'Inghilterra della Brexit.
Il sindacalista italo-ivoriano Aboubakar Soumahoro e Daniel Trilling (autore e giornalista pubblicato in Italia da Marsilio) discutono di sfruttamento e diritti del lavoro di migranti e non-migranti. Abdulwahab Tahhan e Dia Kayyali, nomi di punta nel dibattito internazionale sull'incrocio fra rete e diritti civili, parlano con l'esperta italiana Antonella Napolitano di moderazione di contenuti in rete; Asif Kapadia, regista Premio Oscar e autore del recente documentario Diego Maradona, discute del mito ambiguo ed eterno del calciatore argentino con l'autore napoletano Alessio Forgione.
L'editor-at-large del Guardian Gary Younge e Agostino Ferrente (regista del celebrato documentario Selfie) parlano di gang giovanili in un dialogo fra giornalismo e cinema, fra Londra e Napoli. Il Premio Strega Edoardo Albinati (il cui The Catholic School è appena uscito in UK e Stati Uniti) e l'autrice canadese-britannica Rachel Cusk si confrontano sulle frontiere del romanzo contemporaneo e sul racconto del maschile-femminile. Di Brexit tornerà a parlare Francesco De Carlo, nome italiano riconosciuto sulla scena della stand-up comedy internazionale, portando sul palco del festival il suo spettacolo in inglese.
E, ancora, traduzione creativa con l'autrice bilingue Livia Franchini; la lettura-performance ispirata alla stregoneria (in chiave femminista) con Loredana Lipperini e Rebecca Támas; i viaggi fra le comunità che si preparano alla fine del mondo con Alberto Giuliani e Joanna Pocock; il dialogo su arte e crisi climatica fra Lucia Pietroiusti della Serpentine Gallery e l'artista Alex Cecchetti.
Laura Pugno e l'autrice francese Olivia Rosenthal discutono di indomabili creature letterarie femminili; Ian Penman, il leggendario critico musicale che torna con il suo primo libro in vent'anni, discute con il romanziere italiano Matteo B. Bianchi dello scrivere di musica e di generazioni rock e pop.
Tutti gli eventi del festival sono in inglese o in italiano con traduzione inglese. Il programma completo e i biglietti per FILL 2019 sono su www.fill.org.uk/programme.
EXTRA FILL. Quest'anno il festival londinese è preceduto da un breve calendario di eventi speciali, disseminati per la città e persino in Scozia. Il calendario include un evento speciale a Edimburgo, con il dipartimento di Italian Studies dell'università della città scozzese, per parlare di lingua italiana “creola” con Igiaba Scego; e una conversazione con Domenico Lucano, per la prima volta a Londra, con la giornalista Laura Tussi e lo storico John Foot (la serata, che si terrà al King's College, è andata sold out in poche ore).
Tutti gli eventi pre-festival sono su www.fill.org.uk/extra-fill.
La squadra e la storia
FILL è nato nel 2017 su iniziativa di un gruppo indipendente di autori, traduttori, giornalisti, operatori editoriali italiani a Londra. Un'iniziativa “dal basso” che ha creato un evento all'insegna di un'italianità fluida, in forte dialogo con il mondo anglosassone e internazionale, e con uno sguardo che usa Londra come punto d'osservazione sui temi del presente.
L'esperienza di FILL ha ispirato la nascita di festival simili a Boston, Bordeaux, Monaco di Baviera, e altri in procinto di nascere. I vari festival sono uniti da legami di collaborazione e rappresentano, insieme, un'espressione del ribollire culturale della nuova diaspora italiana all'estero.
I partner
FILL si è sviluppato in stretto rapporto con l'Istituto Italiano di Cultura a Londra, che è stato parte del progetto fin dai primi passi.
Quest'anno il festival conta su un gruppo di preziosi partner e supporter che include Banor Capital, che ha sposato il progetto del festival, e la scuola di scrittura BellevilleOnline. Tra gli altri partner di FILL 2019 vi sono British Council, King's College London, Salone Internazionale del Libro di Torino. (aise)


Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli