NASCE GALLERIA CONTINUA PARIS: AVANT-PREMIÈRE DELLA NUOVA SEDE CON LA MOSTRA “TRUC A FAIRE”

Nasce Galleria Continua Paris: avant-première della nuova sede con la mostra “Truc a faire”

TRUC À FAIRE - Photo: Salem Mostefaoui

PARIGI\ aise\ - Galleria Continua annuncia l’apertura di un nuovo spazio espositivo in Francia: a 15 anni dall’apertura di Galleria Continua Les Moulins nella campagna parigina, apre un’ulteriore sede, questa volta nel cuore della capitale francese, nel Marais.
Galleria Continua Paris - 800 metri quadri dislocati su due piani, con un’infilata di finestre e vetrine che corrono all’angolo tra Rue du Temple e Rue Michel-le-Comte, a due passi dal Centre Pompidou - si proporrà come una situazione un po’ fuori dagli schemi, aperta alla sperimentazione, incline a vivere lo spazio al di là dei consueti canoni allestitivi; in corso d’opera si doterà di una caffetteria, un negozio e una sala dedicata a incontri e talk.
“Il progetto nasce dall’idea di creare uno spazio accogliente, un luogo conviviale, flessibile, inclusivo, accessibile a tutti, architettonicamente non omologato ai canoni del white cube; un’officina di linguaggi contemporanei che coniughi arte, socialità e cultura. Un ambiente aperto alla multiculturalità dove persone con storie, risorse e interessi differenti possano incontrarsi anche semplicemente per leggere una rivista o per scambiare impressioni, esperienze, progettualità”, affermano Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo, soci fondatori di Galleria Continua.
Truc à faire”, il titolo dell’evento che dà il via a questo nuovo progetto, esprime l’esigenza dei tre galleristi di rispondere a un richiamo contingente e imprescindibile: “una cosa da fare”.
A curare la prima mostra, dal 21 gennaio al 20 febbraio, sarà un artista, JR, con una mostra evento che in modo inaspettato si approprierà dei locali che fino a poco tempo fa ospitavano una rivendita all’ingrosso di articoli in pelle. Le opere scelte da JR s’insinueranno in ogni anfratto, conquistando le centinaia di scaffalature che ne occupano le pareti, con la dichiarata volontà di non modificare la struttura originaria ma piuttosto di svelarne la storia prima di una straordinaria nuova metamorfosi: “uno spazio dove si vendono opere d’arte, a metà tra una cattedrale e un supermercato, è un luogo dove ci si avvicina all’infinito e dove si acquistano oggetti di consumo. Sono abituato a lavorare con gallerie d’arte e anche a stare in strada e parlare con i passanti. Per questo nuovo spazio, ho voluto unire i due universi, creare un luogo abitato dall’arte dove veniamo a camminare, dove torniamo qualche settimana dopo per scoprire un nuovo universo, dove incontriamo opere di artisti di generazioni diverse, provenienti dai cinque continenti: da Ai Weiwei, a Daniel Buren, Anish Kapoor, Michelangelo Pistoletto e Pascale Marthine Tayou, solo per fare alcuni nomi. Vorrei che fosse uno spazio di discussione, incontro, sorprese, dove compriamo un libro che scopriamo se è firmato dal suo autore una volta aperto, dove possiamo prendere un buon caffè italiano in un ambiente in movimento, dove ci immergiamo nelle opere presenti”.
A distanza di alcune settimane dall’inaugurazione in collaborazione con MBL architectes lo spazio sarà portato a nudo: rimosse le strutture di stoccaggio e le contro soffittature mostrerà “la pelle”, con tutte le sue cicatrici e i segni del recente passato. A quel punto sarà pronto ad ospitare una seconda mostra.
Attenti a conservare la patina del tempo e le peculiarità dei locali, i successivi interventi di ristrutturazione procederanno di pari passo con l’attività della galleria segnando un continuum tra arte e vita.
GALLERIA CONTINUA
Galleria Continua ha aperto a San Gimignano nel 1990, su iniziativa di tre amici: Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo. Trovando sede negli spazi di un ex cinema, Galleria Continua si è affermata e ha prosperato in una posizione del tutto inaspettata, lontano dalle grandi città e dai centri urbani ultramoderni, in un borgo, San Gimignano, ricco di storia, senza tempo. Questa scelta del luogo ha permesso di sviluppare nuove forme di dialogo e simbiosi tra geografie inaspettate: rurali e industriali, locali e globali, arte del passato e arte di oggi, artisti famosi e emergenti.
Rimanendo fedele a uno spirito di evoluzione perpetua e impegnato a interessare il più vasto pubblico possibile nell’arte contemporanea, Galleria Continua ha costruito una forte identità attraverso i suoi legami e le sue esperienze. Questa identità è fondata su due valori: generosità e altruismo, che si trovano al centro di tutti i rapporti con gli artisti, il pubblico in generale e il suo sviluppo nel suo complesso.
Galleria Continua è stata la prima galleria straniera con un programma internazionale ad aprire in Cina nel 2004 e tre anni dopo, nel 2007, ha inaugurato un nuovo sito particolare per le creazioni di grandi dimensioni - Les Moulins - nella campagna parigina. Nel 2015 la galleria ha intrapreso nuovi percorsi, aprendo uno spazio a L’Avana, a Cuba, dedicato a progetti culturali volti a superare ogni frontiera. Galleria Continua è un desiderio di continuità tra i secoli, l’aspirazione ad avere una parte nella scrittura della storia del presente, una storia sensibile alle pratiche creative contemporanee e che custodisce il legame tra passato e futuro, e tra individui e geografie diverse e inusuali. Nel 2020 ha inaugurato una nuova sede espositiva a Roma all’interno del The St. Regis Rome e una in Brasile, Galleria Continua São Paulo, all’interno del complesso sportivo di Pacaembu. (aise) 

Newsletter
Archivi