“PIRANÈSE D'APRÈS BENOIT+BO”: AL'IIC DI BRUXELLES OMAGGIO AL 300° DEL MAESTRO GIOVANNI BATTISTA PIRANESI

“PIRANÈSE D

BRUXELLES\aise\ - In occasione del 300° anniversario della nascita del grande maestro Giovanni Battista Piranesi (Mogliano Veneto 1720 – Roma 1778) l’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles presenta “Piranèse d'après Benoit + Bo” degli artisti franco-cinesi Benoit + Bo.
La mostra, che sarà inaugurata il 28 settembre e resterà aperta al pubblico sino al 18 ottobre, è composta da una ventina di opere create durante il lungo periodo di isolamento, con le quali gli artisti esprimono quello che ha significato per loro questo periodo, in quanto testimoni di un’epidemia che ha colpito il mondo intero e in particolar modo le persone fragili, gli esclusi, gli indifesi e coloro ai quali non è garantita la libertà.
Queste opere esprimono anche il desiderio di viaggiare, attraverso le diverse culture cittadine percorrendo epoche, paesi, discipline e stili diversi. Risultato: una serie di immagini ricche di riferimenti a Piranesi combinate al loro linguaggio plastico. Questo lavoro, a prima vista piuttosto ibrido, una volta decifrato ci orienta verso nuove interpretazioni della nostra epoca.
Come Piranesi, Benoit + Bo giocano con i codici stilistici della storia dell’arte del nostro continente e dell’Asia, costruendo così nei loro dipinti e fotografie un linguaggio formale carico di riferimenti. Questi simboli assumono via via dei tratti più “grafici” e ricordano le insegne luminose delle nostre città. Soli, arcobaleni, incensi a spirale, costruzioni di immobili, rocce dei letterati, fiori di loto si trovano accanto alle sculture del Laocoonte, le statue equestri, i vasi urne e anfore… Come in un gioco di costruzione intellettuale, gli artisti, in questa nuova serie di immagini, creano uno stile a due voci: la loro in armonia con quella di Piranesi.
Benoit + Bo sono una vera e propria collaborazione internazionale, il frutto di due culture, due sensibilità e due passati. Benoit è francese mentre Bo è cinese. Il loro palcoscenico è il mondo: si sono incontrati a Tientsin, hanno vissuto a Parigi, hanno aperto uno studio a Shanghai e nel 2015 si sono trasferiti a Bruxelles. Benoit + Bo hanno esposto in musei e gallerie in Francia, Belgio, Italia, Spagna, Corea, a Hong Kong e in Australia. (aise)


Newsletter
Archivi