UNA VOCE FUORI DAL CORO PER RICOSTRUIRE L’EUROPA: “LA LINGUA NEUTRALE” DI CAMILLA PERUCH

Una voce fuori dal coro per ricostruire l’Europa: “La lingua neutrale” di Camilla Peruch

ROMA\ aise\ - Nel 1919 con il trattato di Versailles sparisce dalle mappe europee Moresnet, un minuscolo stato fonte di molte controversie. Pochi chilometri quadrati di colline e boschi, che ai primi del ‘900 sono sede della più grossa miniera di zinco di tutta Europa, contesa tra Belgio e Paesi Bassi da circa un secolo.
Partendo da questi presupposti storico-geografici, attraverso la storia di Moresnet, Camilla Peruch nel suo “La lingua neutrale” (80 pagine - Collana: Iteranda Studi storici) racconta la storia dell’esperanto, la lingua nata nella seconda metà dell’Ottocento e proposta come idioma ufficiale di questo territorio con l’obiettivo di agevolare il dialogo e la risoluzione dei conflitti.
Conosciamo, tra le pagine, l’ideatore stesso di questo idioma al di sopra delle parti, Ludwik Lejzer Zamenhof, che durante i primi anni di sviluppo del progetto sperimentale, si mette al lavoro in prima persona insegnando questa nuova lingua a chiunque lo desideri. Cominciano così lezioni epistolari, traduzioni di libri, fino a che l’esperanto non inizia ad essere impiegato anche in situazioni istituzionali come la Croce Rossa Internazionale, nelle amministrazioni militari di diversi paesi per poter comunicare con gli alleati e incontra persino il consenso di scrittori come Lev Tolstoj o Edmondo De Amicis.
“La lingua neutrale. Una voce fuori dal coro per ricostruire l’Europa” verrà presentato domani, 12 gennaio, alle 18.00 sulla piattaforma zoom.
Il volume è arricchito da una serie di immagini a colori, che aiutano ad entrare in contatto con questa grande idea che è l’esperanto, a comprenderne le ragioni e gli obiettivi. Con la prima guerra mondiale il Moresnet è scomparso dalle mappe, ma non l’esperanto. La comunità esperantista, il cui principale rappresentante in Italia è la Federazione Esperantista Italiana (www.esperanto.it) è diffusa in tutto il mondo e lavora per la pace, comprensione e cooperazione tra tutti i popoli. E proprio con la Federazione Peruch dialogherà nell’appuntamento di domani.
Camilla Peruch (Conegliano, 1968) è laureata in Lettere all’Università degli Studi Ca’ Foscari di Venezia. Si occupa di ricerca storica e didattica della Grande Guerra presso musei storici e istituti scolastici italiani.
Ha pubblicato con Kellermann Tutte per la vittoria (2018), Piave e Grande Guerra (2017), La storia ritrovata del soldato József Kiss (2016) e Il Corriere dei Piccoli va alla guerra (2015).
Un suo contributo, L’immagine femminile nella propaganda bellica italiana, è contenuto in “Apice. Le monografie di Pagine della Dante. La guerra totale: 100 anni dalla fine della Prima guerra mondiale” (ed. Società Dante Alighieri, 2018). (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi