Italia e Azerbaijan si incontrano nella poesia

BAKU\ aise\ - L’Ambasciata d’Italia a Baku ha contribuito alla pubblicazione di “Ci siamo incontrati dopo milioni di anni“, un’iniziativa editoriale che intende promuovere la conoscenza sia di giovani poeti italiani in Azerbaigian sia delle ultime tendenze della poesia azerbaigiana in Italia.
Si tratta di una pubblicazione doppia: una versione italiana edita da “Capire Edizioni”, con i componimenti dei giovani azerbaigiani, e una versione azerbaigiana dalla casa “Sharq-Qarb”, con le poesie italiane e le traduzioni a fronte.
L'opera, la cui idea è nata dalla partecipazione del poeta Davide Rondoni al “Festival Nasimi. Poesia, arti, spiritualità“ svoltosi a Baku nel settembre 2019, è stata curata dallo stesso Rondoni e, per la parte azerbaigiana, dalla poetessa Nigar Hasanzadeh, con le traduzioni di Zuleykha Muradova, la redazione di Seyfullah Huseynli e il coordinamento editoriale di Aydan Aliyeva e Isabella Serra.
Come scrive Davide Rondoni nella sua prefazione, “le patrie di Nasimi e di Dante, di poeti che hanno vissuto la poesia come cammino, come viaggio e come avventura continuano a “parlare la poesia” come lingua viva e profonda dell'essere umano”. (aise)