Expo Dubai: economia circolare tratto distintivo del Padiglione Italia

ROMA\ aise\ - Un’applicazione che esalta il concetto di “circolarità” alla base del progetto architettonico del Padiglione Italia. È “Wastology”, l’idea vincitrice del workshop “Braiding the Future” promosso dall’Eni e Maker Faire Rome (MFR) – The European Edition, in collaborazione con Carlo Ratti Associati e l’Istituto di Design e Innovazione di Dubai (DIDI), aperto ai giovani studenti dell’Istituto emiratino e finalizzato a trovare soluzioni originali per il riutilizzo dell’installazione del gruppo al Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai.
Il workshop ha coinvolto 12 studenti, divisi in 4 team, dell'Istituto. La giuria, composta da partner industriali, oltre che dagli autori dell'installazione, i Co-progettisti del Padiglione Italia Carlo Ratti e Italo Rota, e dal Commissario per la partecipazione italiana a Expo Paolo Glisenti ha valutato le proposte su 5 indicatori: originalità, impatto potenziale, fattibilità, prototipo e impatto comunicativo
Wastology sarà mostrata in formato digitale durante il semestre dell’Esposizione Universale: è un dispositivo che permette di riutilizzare i rifiuti organici compostandoli direttamente nella propria cucina.
Il compost viene poi utilizzato per nutrire le piante, poste nella parte superiore, che crescono grazie al sostegno offerto dalle sezioni in pvc ricavate dalle liane, protagoniste dell’installazione dell’Eni. (aise)