IL MADE IN ITALY PASSA DALLA PROMOZIONE DEL TERRITORIO: FIRMATA L’INTESA AEPI-ANCI

IL MADE IN ITALY PASSA DALLA PROMOZIONE DEL TERRITORIO: FIRMATA L’INTESA AEPI-ANCI

ROMA\ aise\ - Sviluppo di piani di marketing territoriale volti alla promozione dei prodotti locali sui mercati esteri, formazione di personale specializzato in valorizzazione delle eccellenze locali e progetti di internazionalizzazione del Made in Italy e incentivi all’aggregazione delle imprese. Sono le tre direttrici lungo cui si muove il recente protocollo d’intesa tra ANCI, Associazione Nazionale Comuni Italiani, e AEPI, Confederazione delle Associazioni Europee di Professionisti e Imprese che rappresenta 310mila aziende e 13mila professionisti in tutta Italia, presentato questa mattina alla Camera.
Alla base dell’accordo, la consapevolezza che imprese e amministrazioni comunali devono unire le forze per affrontare le sfide della globalizzazione, rese ancora più complesse dalle conseguenze della pandemia.
“Con questa intesa puntiamo all’educazione del fare e alla cultura d'impresa”, spiega il presidente AEPI nazionale Mino Dinoi. “Occorre tracciare percorsi di conoscenza del mercato del lavoro per capire le innovazioni dell’economia in una dimensione locale, nazionale e internazionale”.
Uno degli assi portanti della Confederazione è proprio la tutela e la promozione delle eccellenze italiane: in questo senso, precisa Dinoi, “il protocollo servirà a incentivare una sempre maggiore aggregazione e varietà dell’offerta, attraverso accordi tra più mercati e centri agroalimentari, al fine di presentarsi con soggetti sempre più forti sul mercato internazionale”.
“Gli ottomila comuni italiani – aggiunge il presidente del Consiglio nazionale ANCI, Enzo Bianco - rappresentano l’insieme delle bellezze e delle eccellenze italiane. Dalle grandi città fino ai più piccoli municipi delle aree interne, i comuni storicamente sono custodi prodotti tipici, di beni artistici di pregio, di cultura e di paesaggi. Bisogna fare squadra per vincere questa sfida. I comuni sono pronti ad allearsi con il sistema produttivo, a partire da quella enorme ricchezza che sono le piccole e medie imprese italiane. La globalizzazione – annota Bianco – non deve fermare la valorizzazione delle bellezze del nostro Paese. L’ANCI aderisce a questo protocollo perché convinta che, con azioni come questa, i prodotti di pregio possono rappresentare una leva efficace per la promozione del nostro Made in Italy nel mondo”.
Made in Italy e valorizzazione delle eccellenze locali saranno anche al centro della prima Festa nazionale di AEPI, in programma a Manduria, in provincia di Taranto, da giovedì 8 a sabato 10 ottobre e che vedrà gli interventi di rappresentanti di Governo e istituzioni, tra cui il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che invierà un messaggio inaugurale, il ministro delle politiche agricole Teresa Bellanova, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Mario Turco, il presidente di ANCI Antonio Decaro.
Presenti inoltre parlamentari di maggioranza e opposizione, i vertici nazionali di associazioni di categoria e organizzazioni sindacali e numerosi enti pubblici.
Alla presentazione di oggi alla Camera hanno partecipato anche Benedetta Paravia, vice presidente nazionale AEPI con delega all'Internazionalizzazione e Mario Serpillo, responsabile nazionale Agroalimentare e Pesca di AEPI e presidente di Agripesca Nazionale UCI. (aise) 

Newsletter
Archivi