UniTeramo e Slow Food insieme per l’eco-gastronomia e il turismo sostenibile

TERAMO\ aise\ - Tutela della biodiversità agricola e zootecnica, lotta al cambiamento climatico, agroecologia, turismo lento, strategie di presidio dei territori rurali sono alcune delle tematiche al centro di una progettualità educativa congiunta, che verrà messa nero su bianco lunedì prossimo, 11 ottobre, alle ore 14.30 presso la Sala delle Lauree del Polo didattico “G. D’Annunzio” di Teramo, tra il Rettore Dino Mastrocola e il Vicepresidente di Slow Food Italia, Federico Varazi.
L’Ateneo Teramano e la Associazione di Promozione Sociale della chiocciola sigleranno dunque un accordo in nome della sostenibilità, a sostegno di percorsi formativi tesi a valorizzare la gastronomia di qualità e il turismo responsabile.
L’attivismo per il cibo buono, pulito e giusto per tutti da un lato, percorsi accademici orientati verso la difesa della sostenibilità dall’altro costituiscono gli assi portanti di una partnership che intende formare nuove generazioni di studenti e di professionisti più consapevoli ed eticamente attenti alle scelte di consumo. I destinatari della convenzione saranno tutti i soci SlowFood, giovani diplomati ma anche professionisti dell’agroalimentare e del turismo, ai quali l’Ateneo teramano riconoscerà una premialità, proprio in virtù delle conoscenze e dei valori maturati in seno alla associazione, attraverso l’iscrizione ai due nuovi corsi di Laurea in Scienze e culture gastronomiche per la sostenibilità e in Turismo Sostenibile. Saranno presenti alla formalizzazione dell’accordo anche i Presidi delle Facoltà di Scienze Politiche prof. Fausta Gallo e di Bioscienze e tecnologie agroalimentari e ambientali prof. Enrico Dainese, i Presidenti dei due corsi di Laurea proff. Maria Angela Perito e Pietro Gargiulo, oltre alla Portavoce e al Legale rappresentante di Slow Food Abruzzo-Molise Rita Salvatore e Raffaele Cavallo. (aise)