IL DIRITTO ALLA EDUCAZIONE DEI BAMBINI IN SITUAZIONE DI CONFLITTO ARMATO

Il diritto alla educazione dei bambini in situazione di conflitto armato

ROMA\ aise\ - Come tutelare il diritto alla educazione dei bambini e delle bambine che ancora oggi vivono nelle situazioni di conflitto armato? E come garantire la sicurezza delle scuole nelle zone di conflitto in un contesto aggravato dalla pandemia? A queste e altre domande i rappresentanti delle istituzioni internazionali e nazionali, la società civile e la comunità accademica sono chiamati a rispondere nel corso del Webinar "Children affected by Armed Conflict: safeguarding their right to education and ensuring schools are safe" in programma oggi pomeriggio dalle 14:00 alle 15:00.
Organizzato dall'Universities Network for Children in Armed Conflict e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il webinar è co-sponsorizzato dalla Norvegia e dal Group of Friends of Children and Armed Conflict (CAAC), nell'ambito della 46a Sessione del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite.
Un'occasione pubblica per analizzare strumenti scientifici e giuridici che possono concorrere a mitigare l'impatto negativo della pandemia sull’educazione delle bambine e dei bambini in conflitto armato.
Tra i relatori: la Viceministra degli Affari Esteri Marina Sereni; la Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per i Bambini e i Conflitti Armati Virginia Gamba; rappresentanti del Network, di Organizzazioni Internazionali e della Società Civile, tra le quali Unicef, Save the Children, Comitato internazionale della Croce Rossa, Geneva Call e Global Coalition to Protect Education from Attack (GCPA).
"Lavoriamo insieme affinché in questo momento di emergenza sanitaria un numero sempre maggiore di Stati approvi la Dichiarazione sulle Scuole Sicure lanciata nel 2015 - già approvata, ad oggi, da 107 Stati Membri delle Nazioni Unite – adottandone anche le linee guida sulla protezione delle scuole e delle università dall'uso militare in conflitto armato”, sostiene Laura Guercio, rappresentante del Network e moderatrice del webinar.
Aggiunge Fausto Pocar, rappresentante del Network e relatore al webinar: "il diritto all’educazione dei bambini, protetto dal diritto internazionale umanitario, deve essere assicurato e rispettato perché bambini e bambine in situazione di conflitto armato non soffrano tutte le conseguenze del conflitto e abbiano il futuro cui hanno diritto”.
Per seguire l’evento, che si terrà in lingua inglese, basta cliccare qui
Universities Network for Children in Armed Conflict, agisce come un moltiplicatore di forze di 45 università e istituti di ricerca nazionali e internazionali che si impegnano per realizzare Settimane accademiche, tavole rotonde, workshop e seminari, ma anche corsi di formazione e di approfondimento per sensibilizzare e avvicinare gli studenti al tema della protezione dei bambini in conflitto armato. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi