IL SOTTOSEGRETARIO MERLO INAUGURA IL NUOVO CONSOLATO ONORARIO A SAN GALLO

IL SOTTOSEGRETARIO MERLO INAUGURA IL NUOVO CONSOLATO ONORARIO A SAN GALLO

SAN GALLO\ aise\ - Fine settimana in Svizzera per il Sottosegretario agli Esteri, Ricardo Merlo, che, nel corso della sua missione, ha inaugurato ufficialmente il nuovo Consolato onorario a San Gallo (Katharinengasse 21) alla presenza dell’Ambasciatore Silvio Mignano, del Segretario Generale del CGIE, Michele Schiavone, dei presidenti dei Comites di Zurigo e San Gallo, del deputato Mario Borghese (Maie) e alcuni ex parlamentari eletti all’estero e residenti in Svizzera, come Gianni Farina e Alessio Tacconi.
Presenti anche Pietro Capelli, coordinatore MAIE San Gallo, e Anna Mastrogiacomo, coordinatrice del MAIE Europa.
Console onorario è George Burger, ex capo dell'Ufficio della circolazione e della navigazione di San Gallo, che – come riporta tvsvizzera.it – vanta legami con l'Italia da parte della madre, originaria del Trentino.
“È stato un evento ricco di emozioni, per il sottoscritto ma soprattutto per i nostri connazionali, che hanno potuto vedere con i propri occhi quanto sia grande l’attenzione di questo governo verso tutto ciò che li coinvolge come italiani residenti all’estero”, ha commentato Merlo a margine dell’assise. “Riapriamo una sede consolare a San Gallo – ha proseguito il Sottosegretario - dopo che, in un periodo di grande confusione politica, era stata chiusa. Proseguiamo dunque nel percorso che punta a riaprire i Consolati chiusi dalle precedenti gestioni, proprio come avevamo promesso nel nostro programma elettorale durante le ultime elezioni politiche”.
Tanti i connazionali che hanno voluto salutare a San Gallo il sottosegretario Merlo che, con Borghese ha incontrato la comunità grata ai due parlamentari del MAIE per il loro sostegno fin dalla chiusura della sede consolare a San Gallo, nel 2014.
“Con il MAIE al governo continua l’inversione di tendenza rispetto al passato, quando le nostre sedi diplomatico-consolari venivano chiuse. Dal 2010 al 2017 sono state chiuse ben 54 sedi Consolari. Una vera follia”, ha concluso Merlo. “Dopo la Svizzera, toccherà a Spagna e Regno Unito. Ancora nuove aperture, ancora in mezzo alla gente, sul territorio. Per una vera politica per gli italiani nel mondo, finalmente”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi