IL VICE MINISTRO SERENI INCONTRA UNA RAPPRESENTANZA DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE VENEZUELANA

IL VICE MINISTRO SERENI INCONTRA UNA RAPPRESENTANZA DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE VENEZUELANA

ROMA\ aise\ - Il vice ministro agli Affari Esteri Marina Sereni ha avuto ieri un incontro in videoconferenza con una rappresentanza dell’Assemblea Nazionale Venezuelana, guidata dal deputato Julio Borges. L’incontro, richiesto dalla parte venezuelana, era finalizzato ad attirare l’attenzione sulla situazione del Paese anche in vista dell’appuntamento delle elezioni per il rinnovo dell’Assemblea Nazionale indette dal regime per il 6 dicembre.
Il vice ministro Sereni ha rappresentato che l’Italia resta impegnata, anche come parte del Gruppo Internazionale di Contatto, nella ricerca di una soluzione pacifica, democratica, condivisa e interna della crisi venezuelana, che potrà essere raggiunta solo attraverso il dialogo tra le parti. “La nostra prima preoccupazione - ha detto Sereni – è di ordine umanitario ed è quella di alleviare le sofferenze della popolazione, compresi coloro che hanno dovuto lasciare il Paese”.
“In linea con l’UE - ha proseguito il vice ministro - ribadiamo il nostro pieno sostegno all’Assemblea Nazionale, unico organo democraticamente eletto nel Paese, e al suo legittimo presidente Guaidò. Continuiamo a richiedere al regime venezuelano la liberazione immediata di tutti i prigionieri politici. Siamo inoltre preoccupati per l’assenza di un accordo tra governo e opposizioni sulla realizzazione di condizioni minime per lo svolgimento di elezioni parlamentari libere, eque e credibili”.
Sereni ha ricordato che l'Italia sostiene “pienamente la linea dell’alto rappresentante UE Borrell, ribadita recentemente anche nella riunione ministeriale del Gruppo Internazionale di Contatto, secondo la quale occorre cogliere ogni finestra di opportunità per il rinvio delle elezioni, allo scopo di creare le condizioni indispensabili per la credibilità del processo elettorale e – ha concluso - per l’organizzazione di una missione d’osservazione europea”. (aise)


Newsletter
Archivi