Un executive master in public diplomacy alla LUM di Milano

ROMA\ aise\ - Formare le nuove generazioni nella public diplomacy: è l'intento del nuovo executive master “Diplomatic, Economic and Strategic Perspectives in Global Scenarios” alla School of Management dell’università LUM presso Villa Clerici, sede del campus di Milano. Il nuovo master cresce figure professionali dotate di conoscenze complesse ed interdisciplinari nei processi di public diplomacy, rivolgendosi a profili che già operano in questo mondo o che aspirano ad avvicinarsi e contaminarsi al mondo diplomatico. Il corso, dunque, offre la possibilità di aprisi a nuove possibilità professionali e personali, in uno scenario internazionale stimolante e dinamico attraverso l’insegnamento e l’esperienza di docenti di vasta e riconosciuta professionalità.
Un master in linea con quella che è stata la filosofia della School sin dalla sua apertura, cioè offrire della formazione unica ed in grado di accompagnare gli studenti al mondo del lavoro in tempi brevi e con un attento focus sulle professioni più richieste dal mercato. Case-studies, relazioni e funzioni consolari, diplomazia culturale, economica, sicurezza internazionale, intelligence, lobbying, cooperazione sanitaria e delle public policies sono solo alcune delle materie che arricchiranno il percorso formativo.
L’executive master è diretto dal vicepresidente dell’Unione dei consoli in Italia (UCOI), Mattia Carlin, e dal professor Marco Bacini, mentre il coordinamento scientifico è stato affidato all’ingegner Pietro Bonfiglio. Illustri personalità compongono la faculty tra le quali l’onorevole Massimo Garavaglia (attuale ministro del Turismo e già sottosegretario al ministero dell’Economia), a cui è affidata la docenza di Politica internazionale, l’ambasciatore Umberto Vattani unico diplomatico nella storia della Repubblica Italiana ad aver rivestito per due volte la carica di segretario generale del ministero degli Affari esteri e attualmente presidente della Fondazione Italia Giappone; l’ambasciatore Carlo Marsili, presidente onorario dell’Unione dei consoli onorari d’Italia nel mondo (UCOIM); l’ambasciatore Gaetano Cortese, fondatore e curatore della Collana sulle prestigiose sedi diplomatiche italiane nel mondo; il console onorario della Repubblica dello Yemen Guido Bastianelli; il generale Francesco Ippoliti, ufficiale con grande esperienza nel campo della sicurezza e dell’intelligence, già addetto per la difesa presso l’ambasciata italiana a Teheran; Leonardo Iacovelli, specializzato in relazioni istituzionali e lobbying; e ancora Michele Pavan, presidente di Mondo Internazionale e membro del comitato scientifico del CESMA, l'onorevole Matteo Luigi Bianchi, già membro della Commissione NATO alla Camera; il professor Francesco Manfredi, direttore della Lum School of Management e autore di diversi libri e pubblicazioni sulla pubblica amministrazione. A presiedere il comitato scientifico è il magnifico rettore dell’università Lum il professor Antonello Garzoni.
Il master, che avrà inizio nel mese di maggio, per questa prima edizione sarà erogato interamente su piattaforma web, in linea con la situazione pandemica internazionale. Inoltre sarà il punto di partenza per l’istituzione di un tavolo di discussione che faccia da osservatorio per lo studio, la ricerca e l’approfondimento in tema geopolitico. (aise)