Migranti in Libia/Unicef: mille fra donne e bambini nei centri di detenzione a rischio immediato

GINEVRA\ aise\ - Secondo l’UNICEF, la sicurezza e il benessere di almeno 1.000 donne e bambini – fra cui cinque minorenni non accompagnati e almeno 30 bambini molto piccoli – tenuti in centri di detenzione a Tripoli, in Libia, è a rischio immediato.
Fra le migliaia di migranti e richiedenti asilo che sono stati coinvolti in recenti arresti di massa, ci sono circa 751 donne e 255 bambini.
“I bambini migranti e rifugiati in Libia continuano ad affrontare gravi violazioni dei loro diritti, fra cui la detenzione arbitraria”, ha dichiarato Cristina Brugiolo, Rappresentante speciale dell’UNICEF in Libia ad interim. “I bambini sono tenuti in condizioni devastanti e disumane in questi centri di detenzione. Possiamo desumere che il numero reale di bambini tenuti nei centri sia molto più alto, visto che, secondo le notizie ricevute, diversi ragazzi vengono messi in celle con uomini adulti”.
I centri di detenzione hanno ricevuto numeri di gran lunga maggiore rispetto alla loro capacità. Nel centro di detenzione più grande della Libia, “Al Mabani”, ci sono oltre 5.000 persone – quattro volte la sua capacità ufficiale – fra cui 100 bambini e 300 donne. Di queste, 1.772, fra cui 43 bambini e 106 donne, sono state trasferite nel centro di detenzione “Ain Zara”.
L’UNICEF e altri operatori umanitari in queste ore hanno esortato le autorità libiche a proteggere i bambini e prevenire la loro separazione dai loro genitori, persone che si prendono cura di loro e famiglie. Inoltre, chiedono anche il rilascio immediato di tutti i bambini in centri di detenzione in Libia.
“L’UNICEF è pronto, insieme ai partner, a fornire supporto tecnico, fra cui anche forme di assistenza alternativa per i bambini detenuti”, ha concluso Brugiolo. (aise)