Unicef: ad Haiti oltre 250.000 bambini non hanno accesso a scuole adeguate

GINEVRA\ aise\ - Ad un anno dopo il devastante terremoto di magnitudo 7,2 che ha colpito il sud-ovest di Haiti, e a tre settimane dall'inizio del nuovo anno accademico, più di 250.000 bambini non hanno accesso a scuole adeguate. È quanto denuncia l’Unicef ad un anno dal forte terremoto che il 14 agosto 2021 ha colpito i dipartimenti di South, Nippes e Grand'Anse, causando la morte di 2.200 persone e il ferimento di altre 12.200.
1.250 scuole, 97 strutture sanitarie e 55 sistemi idrici sono stati distrutti o danneggiati, lasciando oltre 340.000 bambini senza condizioni educative adeguate e 800.000 persone senza accesso all'assistenza sanitaria, all'acqua potabile o ai servizi igienici.
La ricostruzione, ritardata dall'insicurezza e dalla mancanza di fondi, è ancora in corso e potrebbe richiedere anni per essere completata. Delle 1.250 scuole distrutte o danneggiate dal terremoto, la maggior parte non è ancora stata ricostruita.
"Le scuole sono più che luoghi di apprendimento, sono rifugi sicuri per i bambini traumatizzati da una serie di eventi: la pandemia da COVID-19, un terremoto di magnitudo 7,2, l'insicurezza e la povertà dilaganti", sottolinea Bruno Maes, Rappresentante dell'UNICEF ad Haiti. "Troppi bambini non avranno accesso a servizi educativi adeguati nel prossimo anno scolastico, non riceveranno servizi sanitari adeguati, non berranno acqua sicura e non avranno la possibilità di crescere e sviluppare al massimo le loro potenzialità".
Nonostante il contesto difficile e i finanziamenti limitati, l'UNICEF ha ricostruito o riabilitato 234 aule, fornendo kit scolastici a 74.000 studenti, installando quasi 100 tende ad alta tecnologia nelle scuole danneggiate.
Più di 31.000 studenti di Grand Anse, Nippes e South hanno potuto recuperare gli studi attraverso corsi di recupero.
L'UNICEF e i partner hanno lavorato per portare i servizi di base alle donne e ai bambini colpiti, ma le operazioni sono state spesso ritardate o ostacolate dalla mancanza di risorse e dalla violenza delle bande.
L’agenzia Onu ha riparato 22 sistemi di acqua potabile danneggiati dal disastro naturale, per raggiungere 440.000 persone, circa la metà della popolazione colpita, e distribuito 23.000 kit per l'igiene, tra cui sapone, prodotti per il trattamento domestico dell'acqua e per l'igiene mestruale, a 121.000 persone.
Nel corso dell'anno, più di 23.700 bambini hanno beneficiato di attività psicosociali e ricreative in 75 spazi a misura di bambino sostenuti dall'UNICEF. Almeno 1.100 sopravvissuti alla violenza di genere hanno ricevuto assistenza psicologica e medica, mentre 18 bambini separati e non accompagnati hanno beneficiato di servizi di assistenza alternativa e sono stati riuniti alle loro famiglie.
L'UNICEF ha fornito servizi sanitari e nutrizionali integrati a 52.000 persone, tra cui 15.800 bambini, attraverso cliniche mobili. Inoltre, 4.800 bambini sotto i cinque anni sono stati curati per malnutrizione acuta moderata o grave.
“Sono in corso sforzi per raggiungere altre 12.300 persone con servizi sanitari di base e 15.000 bambini affetti da malnutrizione acuta con cure di qualità” riporta l'UNICEF che ha “urgentemente bisogno di ulteriori finanziamenti per accelerare la fornitura della risposta sanitaria e nutrizionale. Ad oggi, solo l'1,4% della popolazione è stato vaccinato contro il COVID-19, un dato di gran lunga inferiore all'obiettivo nazionale”.
Per sostenere i più vulnerabili che sono stati pesantemente colpiti dal terremoto, l'UNICEF fornisce anche un reddito aggiuntivo alle famiglie vulnerabili attraverso trasferimenti di denaro multiuso, che quest'anno hanno raggiunto quasi 1.000 persone. Questi fondi aiutano le famiglie ad accedere ai servizi di base.
L'UNICEF ha anche prodotto 10.000 poster e 60.000 opuscoli sulla protezione contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale (PSEA) da aggiungere ai kit distribuiti alle popolazioni colpite. Più di 3.000 persone hanno ricevuto informazioni sulla PSEA e sui meccanismi di feedback disponibili, mentre 60 leader comunitari e 30 formatori sono stati formati per informare le loro comunità a Nippes, Grand'Anse e South. 10 stazioni radio sono state incaricate di trasmettere spot e programmi sul PSEA per sei mesi e 450 U-Reporter haitiani sono stati formati sul PSEA per informare le loro comunità.
Alla fine del 2021, l'UNICEF ha richiesto 97 milioni di dollari attraverso l'Appello umanitario per l'infanzia 2022 per raggiungere 950.000 persone, tra cui 520.000 bambini ad Haiti. Ad oggi, l'UNICEF ha ricevuto solo il 30% dei finanziamenti necessari per soddisfare le esigenze di salute, istruzione, nutrizione e protezione dei bambini haitiani. Senza 64,6 milioni di dollari di finanziamenti urgenti, l'UNICEF non sarà in grado di aiutare i più vulnerabili ad Haiti. (aise)